Cerca nel blog

lunedì 7 dicembre 2015

Natasha Fennell, la “daughterhood” e il Club delle figlie: gioie, dolori e sensi di colpa nelle dinamiche madre-figlia

 

Roma, 7 dicembre. C’è qualcosa di speciale nell’essere figlie: è la “daughterhood” che l’autrice irlandese Natasha Fennell descrive insieme alla giornalista Roìsìn Ingle nel loro Scoprirsi figlia (Odoya), che martedì 8 alle 18 presenta insieme a Sabina Minardi. Il neologismo è quanto mai indovinato: mentre si scrive e si discute molto sul senso della maternità, la “figlialità” è spesso ricondotta ad altri fattori psicologici, primo fra tutti proprio la maternità (temuta, agognata, rifiutata). Al contrario, questo volume si concentra sull’individualità delle figlie e individua uno schema nei complessi rapporti con le rispettive madri.

L’origine di questa indagine è personale e dolorosa: quando alla madre di Natasha Fennell viene diagnosticata una malattia degenerativa, l’autrice si rende conto di non essere pronta ad affrontare la perdita e inizia a domandarsi se sia stata una buona figlia e se abbia condiviso con la madre tutte le attività e le emozioni che avrebbe voluto. Le risposte, evidentemente, sono difficili da accettare ma è una condizione comune a molte figlie, come testimoniato dalle centinaia di risposte giunte al quesito “Se sei una donna e ti piacerebbe migliorare il tuo rapporto con tua madre prima che sia troppo tardi, allora manda una e-mail a…”, pubblicato da Roìsìn Ingle nella sua colonna sull’Irish Times. Dai tanti racconti le due autrici hanno selezionato le storie di nove figlie, invitandole a incontrarsi per parlare delle proprie madri e condividere le gioie e i dolori che questi rapporti portano con sé, impegnandosi poi in una serie di compiti e attività al fine di migliorare le loro relazioni. È nato così il Club delle figlie.

Pagina dopo pagina, il lettore impara a conoscere Maeve: la Figlia Impegnata, Sophie: la Figlia della pazzia; Lily la figlia del Narcisismo; Cathy: la Figlia che Diventa Come Sua Madre; Grace: la Figlia in Lutto Anticipato. Le due autrici stesse si indagano e scoprono di essere la figlia Dipendente (Roìsìn) e la figlia Devota (Natasha). Si unisce in un secondo momento anche Anna: la Figlia Riluttante. Infine, la trascrittrice dei dialoghi del club si unisce ad esso: si chiama Debbie ed è la figlia Deludente. Fra ilarità e condizioni difficili, le partecipanti al gruppo come pure le lettrici scoprono che non esiste alcuna “normalità” cui ambire, poiché ogni donna è diversa e ciascuna situazione presenta problematiche specifiche: l’unico filo di Arianna è la solidarietà femminile, che aiuta a estraniarsi e a guardare a se stesse con maggiore lucidità. Il Club delle figlie oggi è anche un blog di riferimento, utile e dilettevole.

Sul web Più libri più liberi è presente attraverso gli aggiornamenti del sito ufficiale www.plpl.it e grazie all'attività sui social network che affiancano il claim #peramoredeilibri all’hashtag ufficiale #piulibri15.

Promossa e organizzata dall'Associazione Italiana Editori, con il sostegno di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Centro per il Libro e la Lettura, Regione Lazio, Roma Capitale - Assessorato Cultura e Sport, ICE - Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, in collaborazione con Biblioteche di Roma e l'azienda per i trasporti capitolina Atac e con la media partnership di Rai, Radio3, Rai3, Rainews24, la Repubblica, L’Espresso e Repubblica.it, la Fiera non è solo un punto di riferimento per la proposta e il lancio di nuovi autori internazionali, ma si conferma osservatorio insostituibile sulla varietà della produzione italiana.

La presente iniziativa è stata realizzata anche mediante il finanziamento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e di Arcus S.p.a.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI