Cerca nel blog

martedì 15 marzo 2016

MCE 2016: 46 mld di euro, il mercato degli impianti in Italia

40^ Mostra Convegno Expocomfort, 15-18 marzo 2016, Fiera Milano Rho

2016: inizia il settimo ciclo edilizio e rivoluzione industriale per le costruzioni

NEL 2015 IN ITALIA LA QUOTA DI MERCATO DEGLI IMPIANTI SUGLI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI SEGNA IL 34%;
IL VALORE DELLA PRODUZIONE E' STIMATO IN 46 MLD DI EURO
IMPIANTI IN EUROPA: UN MERCATO DA 369 MILIARDI DI EURO

Presentato Rapporto Cresme sul mercato dell'installazione degli impianti in Italia all'apertura di MCE – MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT 2016

Dal 15 marzo a Fiera Milano Rho la manifestazione leader mondiale nell'impiantistica civile e industriale


Milano 15 marzo 2016 Con il 2016 il settore delle costruzioni esce dalla fase recessiva e avvia un nuovo ciclo espansivo. Già nella seconda parte del 2015 si sono registrati i segni della lenta fuoriuscita dalla grave caduta, iniziata nel 2007, ma oggi tutti gli osservatori di mercato prevedono con il 2016 il ritorno alla crescita degli investimenti in costruzioni: inizia la nuova stagione del settimo ciclo edilizio, in cui gli impianti saranno uno dei protagonisti dell'evoluzione del settore.

La buona notizia è stata presentata questa mattina all'apertura della 40^ edizione di MCE-Mostra Convegno Expocomfort, la fiera leader mondiale nell'impiantistica civile e industriale, nella climatizzazione e nelle energie rinnovabili, che oggi ha aperto i battenti, dando il via a quattro giorni di evento per gli addetti ai lavori alla Fiera di Milano Rho. 

Dopo il benvenuto di Massimiliano Pierini - Managing Director di Reed Exhibitions Italia, e i saluti di Roberto Rettani, Presidente Fiera Milano, a commentare i dati dell'Osservatorio Cresme presentati da Lorenzo Bellicini - Direttore di Cresme, erano presenti Carmine Battipaglia, Presidente CNA Impianti, Alberto Caprari - Presidente ANIMA (Federazione delle  Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica Varia ed Affine), Marco Fortis - Vice Presidente Fondazione Edison, Giorgio Squinzi – Presidente Confindustria, Ferdinando Pastore – Direttore Tecnologia Industriale ICE.

Le costruzioni sono sempre meno un comparto economico fatto di strutture e opere murarie e sempre più un mercato di finiture, impianti, servizi e finanza che riguardano edifici e opere del genio civile nel loro ciclo di vita. Le costruzioni sono sempre meno il mercato delle nuove costruzioni tout court e sempre più il mercato dell'ambiente costruito, fatto di nuovi prodotti, di sistemi e componenti, di nanotecnologie e biotecnologie, di sensori, termostati, di internet delle cose, di robotica, stampanti 3d, di digitalizzazione e modellizzazione informatica.

Uno scenario che vede un rapido sviluppo della domanda internazionale di impiantistica. Lo confermano anche i dati europei. Nel 2015 infatti il mercato europeo degli impianti è arrivato a valere 369 miliardi di euro, il 27% di tutto il valore della produzione nelle costruzioni (nel 2009 era il 24%). Ne rientrano: installazioni elettriche, impianti per la climatizzazione, idraulici e altri impianti per l'edilizia, per le telecomunicazioni, per la produzione e distribuzione di energia elettrica e idrica. 

Dopo la forte flessione tra il 2011 e il 2013, quando l'intero mercato europeo si era contratto di oltre l'8%, perdendo quasi 32 miliardi di euro - principalmente per via del crollo degli investimenti registrato nel Sud Europa, in particolare Spagna, Portogallo e Grecia - , il valore della produzione nel settore è cresciuto con continuità sia nel 2014 (+0,7% a valori reali) che nel 2015 (+2,6%), e alla fine dell'anno in corso potrebbe riportarsi sui livelli del 2010: 382 miliardi di euro (con una crescita attesa pari al 3,5% a valori costanti).

La domanda di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili insieme allo sviluppo del settore della riqualificazione edilizia in ambito di efficientamento energetico, più il rapido sviluppo infrastrutturale dei paesi dell'Est Europeo (impianti per la produzione e distribuzione dell'energia elettrica, telecomunicazioni, reti idriche), hanno reso possibile la conquista progressiva di quote di mercato da parte dell'impiantistica negli ultimi anni.

Un incremento che in molti casi, soprattutto nel nostro Paese e in quelli del Sud Europa (Spagna, Portogallo, Grecia e Cipro) ha calmierato la crisi delle costruzioni, grazie allo sviluppo del mercato della riqualificazione edilizia.

Impianti in Europa: Italia e Germania in testa al settore
Nel 2015 in Italia la quota di mercato degli impianti sugli investimenti in costruzioni segna il 34%; il valore della produzione è stimato in 46 miliardi di euro.

Le quote maggiori si registrano tuttavia in Italia e tra i Paesi del Centro Europa, Germania in testa, dove oltre il 30% del settore delle costruzioni è oggi fatto di impiantistica. Il mercato tedesco è il primo mercato europeo, con un valore della produzione nel 2015 stimato in circa 100 miliardi di euro. A seguire la Francia dove l'impiantistica vale circa 50 miliardi di euro, l'Italia con 46 e il Regno Unito con circa 44.

Secondo le nuove stime Cresme, l'installazione degli impianti in Italia nel 2015 vale quindi quasi 46 miliardi di euro e questo colloca il nostro Paese al terzo posto in Europa.

Quasi 19 miliardi di euro sono il fatturato dell'installazione idrotermosanitaria; oltre 22 miliardi quello degli impianti elettrici ed elettronici applicati all'edilizia e 4,6 miliardi il fatturato degli altri impianti.

Durante la crisi, gli impianti sono stai colpiti molto meno duramente delle costruzioni tradizionali

Tra il 2008 il 2013 il settore delle costruzioni ha perso 566.000 occupati diretti su un totale di 1.459.000 posti di lavoro persi dall'economia italiana. Di questi 501.000 si sono persi nelle attività non impiantistiche e 64.600 nel settore dell'installazione impianti.

In sintesi con la crisi il settore dell'installazione impianti ha ridotto l'occupazione dell'11,8%, mentre nel resto dell'attività del settore delle costruzioni si è perso il 34,2% degli occupati. E non solo il mondo dell'installazione impianti ha retto meglio alla crisi, ma lo ha fatto attraverso la tenuta della forza lavoro più qualificata.

Gli impianti giocano un ruolo sorprendente anche nel mercato delle opere pubbliche
Vale infatti 20 miliardi di euro il mercato pubblico dell'impiantistica civile e industriale nel 2015 in Italia. 

Una cifra che segna un più 4,5% rispetto al 2014, fino a divenire il 67% degli appalti delle opere pubbliche. Un'importante quota di mercato che vede protagonista l'impiantistica, un settore che negli anni ha dimostrato di essere sempre più trainante per l'economia del Paese: basti pensare che dal 2002 al 2015 le gare per lavori che vedono protagonisti gli impianti sono state 128.307 per un importo complessivo di quasi 223 miliardi, cifra che si traduce nel 39% dei contratti per opere pubbliche e nel 57% degli importi spesi.

Dei 223 miliardi spesi in nuovi impianti dal 2002 al 2015, ben il 51% (113 miliardi) hanno riguardato impianti interni agli edifici (idrosanitari, cucine e lavanderie, gas e antincendio, termici e condizionamento del clima, interni elettrici, telefonici, radiotelefonici e televisivi nonché reti di trasmissione dati; impianti elettromeccanici trasportatori e di sollevamento, ascensori e  scale mobili, pneumatici e antintrusione).

Nel 2015 tra i protagonisti del mercato degli impianti troviamo i bandi per la distribuzione del gas naturale: tra le iniziative di importo superiore ai 100 milioni, quelle relative alla distribuzione del gas sono 9 per un importo complessivo di oltre 3 miliardi di euro, ovvero il 15% del mercato degli impianti. Le tre gare maggiori riguardano i territori del Comune di Milano (1,4 miliardi), di Venezia (522 milioni) e Torino (333 milioni).

"I dati del Rapporto Cresme lo dicono chiaramente: mentre il mercato dell'edilizia stenta, il settore dell'impiantistica continua a crescere e anzi funge da traino del comparto edile." – dichiara Massimiliano Pierini, Managing Director di Reed Exhibitions Italia – "In questo scenario, il settore idro-termo sanitario gioca un ruolo di rilievo. Ed è a questa eccellenza che MCE vuole offrire una vetrina unica, sia come strumento di conoscenza per un business competitivo che come porta di collegamento con mercati internazionali."

"Per gli impianti siamo solo all'inizio. Siamo entrati in una nuova fase fortemente evolutiva nella quale si ridisegnano visioni strategiche, processi e prodotti. Il settore delle costruzioni si è avviato verso uno dei principali cambiamenti della sua storia." – dichiara Lorenzo Bellicini, Direttore del Cresme – "L'innovazione tecnologica e soprattutto la digitalizzazione stanno ridefinendo lo scenario economico generale. E questo vuol dire macchine e impianti."
___________________________
La 40^ edizione di MCE - MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT, la manifestazione leader mondiale nell'impiantistica civile e industriale, nella climatizzazione e nelle energie rinnovabili, organizzata da Reed Exhibitions Italia, sarà in Fiera Milano Rho dal 15 al 18 marzo 2016, dove l'integrazione fra tecnologie, sistemi e soluzioni sarà il cuore pulsante dei quattro giorni di evento.

In scena, un parterre di 2.155 aziende di cui il 40% estere, in rappresentanza di 55 paesi che spaziano dall'Europa all'Africa, dall'Asia alle Americhe con un incremento delle presenze, in particolare, da Giappone, Iran, Bulgaria, Turchia, Ungheria, Lituania, Emirati Arabi, Polonia; numerosa, come sempre, la presenza delle aziende dai paesi "tradizionali" quali Francia, Germania, Austria, Spagna. 

MCE 2016 conferma la propria caratura internazionale e propone una vetrina completa su prodotti e soluzioni nei settori del riscaldamento, del condizionamento dell'aria, della refrigerazione, del valvolame, della componentistica, della tecnica sanitaria, del trattamento dell'acqua e delle energie rinnovabili e anche della domotica e della building automation, per essere ancora una volta un punto di riferimento irrinunciabile di confronto e incontro per gli oltre 155.000 visitatori da tutto il mondo.
           
Tutte le informazioni su MCE – Mostra Convegno Expocomfort sono disponibili su: www.mcexpocomfort.it

Sarà possibile seguire in diretta tutti gli aggiornamenti sui quattro giorni di fiera in rete sulle pagine ufficiali di Facebook e Twitter.

MCE - Mostra Convegno Expocomfort
Mostra Convegno Expocomfort è la manifestazione internazionale biennale rivolta ai settori dell'impiantistica civile e industriale: riscaldamento, condizionamento dell'aria, refrigerazione, componentistica, valvolame, tecnica sanitaria, ambiente bagno, trattamento dell'acqua, attrezzeria, energie rinnovabili e servizi. 

Ideata nel 1960 come prima mostra specializzata in Italia, MCE è da oltre 50 anni leader di settore grazie alle comprovate capacità di seguire l'evoluzione dei mercati di riferimento creando momenti di incontro, confronto e dibattito tecnico, culturale e politico. Mostra Convegno Expocomfort è una manifestazione fieristica di proprietà di Reed Exhibitions, il leader mondiale nell'organizzazione di fiere e congressi che gestisce oltre 500 eventi in 30 Paesi che hanno registrato più di 7 milioni di partecipanti nel 2015. 

Reed Exhibitions conta 40 sedi in tutto il mondo a disposizione di 43 settori industriali. Reed Exhibitons fa parte di RELX Group plc, leader mondiale nella fornitura di soluzioni e servizi per clienti professionali in numerosi comparti di business.


--

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI