Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 26 agosto 2016

LIU•JO Luxury torna alla Fiera di Vicenza. Dal 3 settembre saranno presentate le nuove collezioni di orologi e gioielli in anteprima a VicenzaOro, il salone della gioielleria e dell'orologeria

E' un ritorno atteso quello di Liu Jo Luxury (www.liujoluxury.it)  a VicenzaOro, il salone della gioielleria e dell'orologeria in programma dal 3 al 7 settembre a Vicenza. 

Il declino della vecchia proposta fieristica e la scelta di partecipare a Baselworld, il salone mondiale del lusso e dell'orologeria in programma in primavera in Svizzera a Basilea, avevano spinto l'azienda, leader nel suo segmento di mercato, a non partecipare più all'evento vicentino. 

La decisione di ritornare, dopo la svolta e la rinnovata formula della manifestazione vicentina lanciata dal presidente Matteo Marzotto.

Con quasi tre milioni e mezzo di pezzi venduti tra orologi e gioielli negli ultimi 10 anni Liu Jo Luxury,  è il caso di successo più clamoroso nel mondo dell'orologio e del gioiello fashion  italiano. 

Un brand che si è imposto tra un pubblico vasto quanto competente, mantenendo stile, proprietà e management italiani.

La brand extension nata dalla partnership tra il brand d'abbigliamento LIU•JO (www.liujo.com) e la Nardelli Luxury (www.nardelliluxury.it) presenterà  le nuove collezioni di orologi da donna e da uomo nello stand 400 Padiglione 1.

Le novità andranno a completare la ricca offerta sviluppata dalla Nardelli Luxury per Liu Jo Luxury. Costituita nel 2006, la società è cresciuta a ritmi esponenziali diventando una delle poche realtà imprenditoriali italiane a operare nel settore del fashion a livello internazionale. Il fatturato dell'azienda è aumentato costantemente. Nel solo mercato italiano il brand è presente in più di 1600 punti vendita.

Le collezioni di gioielli e orologi di Liu Jo Luxury fanno parte di un concept più ampio, che abbraccia tutto l'universo Liu Jo, presente in 45 paesi e in 3 diversi continenti (Europa, Africa e Asia), grazie a una rete distributiva che conta  320 punti vendita monomarca e oltre  5000 multibrand nel mondo. 

Numeri che raccontano la sfida di un marchio in continua espansione.
Nardelli Luxury in pochi anni si è imposta come uno dei principali player per le licenze nella gioielleria e nell'orologeria diventando, come evidenzia sempre la stampa di settore, il caso più studiato nelle università italiane.

 "Torniamo a scommettere su VicenzaOro – dichiara l'amministratore delegato della Nardelli Luxury e direttore creativo di Liu Jo Luxury Bruno Nardelli – per dare un segnale di attenzione al grande lavoro fatto dal management della Fiera e dal presidente Matteo Marzotto e perché crediamo in una ripresa, seppur lenta, del mercato interno. Ci auguriamo che la fiera possa rappresentare anche  una tappa  della nostra strategia di internazionalizzazione, che vede il brand riscuotere sempre maggior interesse nei principali mercati sulla scia del successo riscosso da Liu Jo prima in Italia e poi all'estero. I mercati a cui puntiamo di più sono Europa, Medio Oriente e Cina".

"Dopo 4 anni di assenza, in cui tra l'altro abbiamo sviluppato il nostro piano di internazionalizzazione - dichiara la Responsabile Marketing e Comunicazione Letizia Monteforte- Liu Jo Luxury torna ad essere presente all'evento di settore italiano più importante. La volontà è di promuovere i valori di un brand che, a 10 anni dalla creazione, è una realtà indiscussa. In questo senso, la partecipazione a Vicenza Oro, costituisce uno dei punti di un più ampio progetto di fidelizzazione della nostra clientela.
Il progetto si evolverà in attività mirate al cliente che attivamente segue il brand e al prospect selezionato secondo i nostri parametri di clusterizzazione."

L'azienda, unica realtà del settore, dal 2014 promuove con il Comitato Leonardo (www.comitatoleonardo.it) un Premio di laurea, che coinvolge giovani studiosi, laureati o laureandi in una ricerca sugli stili di consumo e i bisogni del cliente del fast fashion, individuando le leve di comunicazione e di marketing più efficaci. 

La cerimonia di assegnazione dei premi si è svolta a marzo a Roma al Palazzo del Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica.


Liu Jo S.p.a.
Liu Jo S.p.a. fondata nel 1995 a Carpi (MO) gioca un ruolo da protagonista nel settore moda, grazie a una strategia in grado di strutturare un'offerta completa, che spazia dall'abbigliamento agli accessori alle calzature, con collezioni total look dedicate alla donna, all'uomo e al bambino. Presenza e notorietà nel mercato nazionale e in quelli internazionali sono i risultati consolidati di una strategia dinamica ed evoluta, che rispecchia in un ricco portfolio di collezioni l'anima eclettica di Liu Jo.
L'azienda, oltre alla partnership con Nardelli Luxury per Liu Jo Luxury, ha lanciato Liu Jo Eyewear e Liu Jo Fragrances, due nuove linee che ampliano ulteriormente il concetto di lifestyle del marchio, supportato dalle competenze specifiche e riconosciute di due autorevoli partner, Perfume Holding per il mercato delle fragranze e Marchon Eyewear per quello dell'occhialeria.    

 


LIU JO LUXURY JEWELS COLLECTION – AUTUNNO/INVERNO 2016
Femminile e sofisticata è l'attitudine che caratterizza la nuova collezione Liu Jo Luxury Jewels per l'autunno-invernno 2016. Nata per accompagnare la donna Liu Jo in tutte le occasioni, interpreta i concetti moda del brand ispirandosi ai look che esprimono le tendenze della stagione: dal daily al casual chic, dal quotidiano easy, al party-time, enfatizzando la femminilità di una donna contemporanea e sempre protagonista.

La collezione Dolceamara è dedicata alla dualità di uno spirito libero, intenso e misterioso che al tempo stesso ama uno stile essenziale ed elegante. Le catene sono protagoniste indiscusse. Nella nuova collezione si aggiunge un nuovo modello: un piccolo cuore  illuminato da un pavé di pietre, è contenuto in un anello logato Liu Jo.  La catena è leggera e lo stile pulito, adatto a una donna contemporanea, che ama esprimere la sua femminilità attraverso la cura dei dettagli. Girocollo in due lunghezze, braccialetto e orecchini, proposti esclusivamente nella versione silver con pietre tono su tono compongono la nuova parure.

La collezione Illumina è un richiamo alla gioia e al sorriso. Una forte alleata dal fascino personale: parure dalle pietre colorate e cristalline, gioielli che si distinguono per il design griffato e attraente. Cuori e anelli ancora una volta sono protagonisti delle nuove proposte per la stagione autunno-inverno: girocollo in due lunghezze, bracciale e orecchini compongono la parure con cuore pendente dalla linea pulita e minimale, che arricchisce la catena insieme al tocco conferito dalla pietra di medie dimensioni. Oro rosa e silver le due proposte. La prima con pietra rosa e la seconda con pietra azzurro acquamarina. Un anello e la catena interrotta da un tocco di luce donato dal dettaglio di pietre colorate è la seconda nuova proposta della linea: oro gold rosé con pietra rosa e silver con pietra azzurro acquamarina

La collezione Destini è caratterizzata da forme morbide e dettagli luminosi e delicati che portano messaggi significativi, chiaro omaggio all'amore e alla fedeltà. Tra le nuove proposte parure con pendenti a cuore che corrono liberi sulle catene più sottili delle collane o multi charms per i bracciali dove dettagli di pavé conferiscono un'allure speciale. La femminilità e l' elegante semplicità delle linee sono la cifra distintiva della collezione.

 

I NUOVI OROLOGI LIU JO LUXURY– AUTUNNO/INVERNO 2016
"Diamonds are a girls best friends!" Potrebbe essere il motto di Liu Jo Luxury, la linea di gioielli e orologi prodotta da Nardelli Luxury per completare la collezione apparel di Liu Jo. Una cascata di pietre illumina gli orologi must have della collezione. Dal Dancing, modello iconico, ancora una volta soggetto della campagna ADV del brand, al Victoria, un modello in acciaio dal look sporty reso ancor più prezioso dal pavé di pietre tono su tono che sottolinea il quandrante, passando per il Roxy, orologio dall'allure haut de gamme e dalle linee contemporanee e concludendo la proposta più glamour con il modello Atena, arricchito da un elegante bracciale multi catena dove la ghiera si illumina di pietre disposte su un'unica fila. Tra i nuovi modelli il Diana, dalla cassa rettangolare in acciaio lucido, reso ancor più elegante dal cinghietto in saffiano, sinonimo di bellezza e lusso. Ogni modello racconta un modo e un mondo diversi  ma ancora una volta accomunati dalla mission del brand: rendere indimenticabile la donna che lo indossa.

DANCING
Acciaio e pietre colorate in continuo movimento, un tripudio di cristalli ora bianchi ora multicolore che illuminano la lunetta e identificano la linea. Il logo in Upper Plating ha dimensioni contenute. La cassa è in acciaio, disponibile in silver o in oro rosa. Due le versioni: con bracciale in acciaio lucido oppure con cinturino in pelle nelle varianti  Bianco, Blu scuro o Prugna.

ATENA
Elegante e raffinato, è un omaggio alla femminilità. Linee delicate e sinuose in acciaio declinato nelle versioni silver con quadrante grey e dark grey, novità di stagione, oppure total gold nella versione oro giallo dove sia la cassa e il bracciale sia il quadrante esprimono preziosità e infine gold rosé, reso ancor più elegante dal quadrante bianco. Preziosità e luce sono conferiti dalle pietre incastonate sulla lunetta. Il bracciale in maglia, dalle linee morbide e un po' retro, lo rende elegante con un tocco sporty.

VICTORIA
L'eleganza non ha tempo e Victoria è uno dei pezzi più rappresentativi della nuova collezione Time di Liu Jo Luxury. Pensato per una donna che esprime una personalità forte e carismatica, si ispira a modelli iconici e senza tempo. All'origine del suo stile le alte prestazioni, un quadrante illuminato da un prezioso pavé di pietre tono su tono nelle versioni "all silver", con o senza dettagli sul bracciale oppure ancor più aggressivo e accattivante nella versione silver con quadrante nero.

ROXY
L'eleganza delle linee classiche si esprime attraverso il modello Roxy. Cassa tonda in acciaio e quadrante pulito, sottolineato esclusivamente da quattro pietre come indici del tempo che scorre. Un bracciale in maglia preziosa o in alternativa, in saffiano, bianco per la versione gold rosé o tortora per la versione silver, due varianti che enfatizzano l'eleganza di un materiale "rubato" alle it bag di maggior successo del brand.

DIANA
Sempre in linea con l'immagine di Liu Jo, un orologio con cassa rettangolare e fondo bianco, minimale nelle linee, caratterizzato dall'ampia proposta colori del cinghietto in saffiano:  bianco, nero e tortora per i classici e azzurro, corallo e prugna, allineati alle principali proposte moda della prossima stagione autunno-inverno.



LIU JO LUXURY -  MAN TIME COLLECTION
Arriva l'autunno e con lui le novità di Liu Jo Man - Time Collection, una collezione di orologi completa e ricercata, pensata per un uomo contemporaneo che ama curare ogni dettaglio del suo look con accessori preziosi. Cinque i modelli di punta della nuova collezione Time:  Madison, Freeman, Groove, Zen e Navy. Design raffinato e un'elevata attenzione ai dettagli fanno di questi orologi una proposta inedita e attuale, indispensabile per ogni occasione.

MADISON
Un orologio dallo stile metropolitano proposto in due versioni: in acciaio con cinturino acciaio e quadrante bianco, nero o blu, quest'ultima protagonista della campagna ADV autunno-inverno 2016, oppure nella versione con cinturino in pelle stampa cocco, particolarmente raffinata ed elegante, con cassa acciaio e quadrante bianco, nero o blu.

FREEMAN
E' il cronografo della collezione. Stile sportivo e daily, è pensato per un uomo dinamico ma al tempo stesso elegante. Proposto in acciaio con quadrante bianco e ghiera nera oppure nella versione più aggressiva, con quadrante e ghiera neri, è perfetto per il "friday wear".

GROOVE
Tra le novità della stagione invernale, Grove. Un segna tempo dalle linee classiche e minimali proposto con cassa in  acciaio lucido e quadrante  bianco, blu o nero oppure nella versione più elegante, con cinturino in pelle e quadrante nero o bianco.

ZEN
Un orologio ispirato all'art deco. Linee leggere e cassa rettangolare, è impreziosito da un cinturino in pelle stampa cocco.  Disponibile in acciaio, nelle varianti total blu, total black oppure con  quadrante bianco e cinturino nero. In alternativa la preziosa versione  gold rosé, con quadrante  bianco e cinturino testa di moro. Un segna tempo iconico, perfetto per le occasioni più eleganti.

NAVY
Un orologio dallo stile retrò minimale, elegante e leggero nelle linee grazie alla grande cassa sottile  con quadrante mat. Disponibile in più versioni, per la nuova stagione si veste di nuovo grazie ai cinturini in tessuto spinato bianco/nero o bianco/bordeau e in denim grey o blu, che citano le tendenze di stagione.

About Liu Jo Man
Liu Jo Man Collection, nasce nel 2015 come estensione di Liu Jo Luxury, brand nato nel 2006 dall'accordo di licenza tra Liu Jo S.p.a. e Nardelli Luxury S.p.a., uno dei principali player nel settore della gioielleria e dell'orologeria.


--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 25 agosto 2016

Ambiente ed ecologia al Festival della Comunicazione (Camogli, 8 - 11 settembre)

FESTIVAL DELLA COMUNICAZIONE
III edizione
Camogli, 8 - 11 settembre 2016

Dopo le prime due edizioni che lo hanno affermato come uno degli appuntamenti culturali più importanti e apprezzati in Italia, tornerà a Camogli da giovedì 8 adomenica 11 settembre il Festival della Comunicazione

La manifestazione, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è ideata e diretta da Rosangela Bonsignorio e Danco Singer e organizzata dal Comune di Camogli e da Frame, in collaborazione con la Regione Liguria. 

Quattro giornate, con oltre un centinaio di appuntamenti tra incontri, laboratori, spettacoli, mostre ed escursioni e più di 130 ospiti italiani e internazionali provenienti dal mondo della comunicazione, della letteratura, della scienza, delle imprese, della medicina e della psicologia, dell'arte, dei social network, del diritto, della filosofia. Il macrotema individuato per questa terza edizione da Umberto Eco: il world wide web

«Aveva già scelto il titolo della sua lectio Pro e contro il web»spiegano Rosangela Bonsignorio e Danco Singer «voleva, nelle giornate del Festival, analizzare tutte le implicazioni sociali, culturali, politiche, educative che questa rivoluzione ha comportato. E noi, con gli ospiti che hanno accettato il nostro invito, porteremo avanti il suo auspicio». 

A Camogli, in un clima di accoglienza e coinvolgimento, gli ospiti – storici volti del Festival o nuovi compagni di viaggio – discuteranno con un linguaggio accessibile a tutti le opportunità e le potenzialità di questo straordinario strumento, immaginando gli scenari futuri e le vie da seguire, a venticinque anni dalla pubblicazione del primo sito web. 

Al Festival verrà consegnato per la prima volta il premio Comunicazione, per celebrare una personalità che si sia particolarmente distinta nel mondo della cultura: quest'anno sarà Roberto Benigni, che ritirerà personalmente il premio a

In occasione della manifestazione sarà inaugurata la mostra di Tullio Pericoli Quanti ritratti, caro Umberto. In esposizione quasi un centinaio di disegni, schizzi, giochi, scambi di ritratti e lettere in cui, nel corso degli anni e di una lunga amicizia, l'artista ha raffigurato il grande semiologo, ispiratore del Festival sin dall'inizio. La mostra, allestita nella Sala Consiliare del Comune di Camogli, sarà aperta fino all'11 dicembre. 

Gli incontri, tutti visibili anche in diretta streaming sul sito del Festival, si articoleranno in sette grandi aree, con ospiti di grande prestigio.

WEB E SCRITTURA
Si parlerà di come cambiano la scrittura e il legame tra autori e pubblico nell'era di internet, dell'uso della parola sul web, di come tutti, nella realtà virtuale, possano esprimere la propria opinione e del rapporto tra romanzo e serial tv, chiedendosi se quest'ultimo sia l'erede del romanzo ottocentesco non solo come intrattenimento, ma anche nel ruolo educativo e formativo della persona. Interverranno: gli scrittoriClaudio Magris e Luca Doninelli (Perché i romanzi al tempo dei serial), Donato Carrisi (Scrivere Crime fiction prima e dopo internet), Alessia Gazzola (Come cambia il rapporto tra scrittore e lettori con l'avvento di Internet), Paolo Giordano (La narrazione al tempo del web)Jay Mc Inerney con Federico Rampini (Quei giorni dorati a New York); i giornalisti Massimo Gramellini (La velocità e la lentezza della parola scritta) e Aldo Cazzullo (Giornalismo: crisi di contenitori o crisi di contenuti?); lo storico Alessandro Barbero(Alle origini della comunicazione aziendale: gli ordini religiosi del Medioevo).


WEB E SCIENZA
Internet è nato per permettere lo scambio rapido di informazioni tra scienziati e, col passare del tempo, ha messo a disposizione di tutti il patrimonio globale della conoscenza scientifica: la sua utilità come serbatoio per la condivisione di dati sarà uno degli aspetti approfonditi dal direttore del Dipartimento di Nanofisica dell'Istituto Italiano di Tecnologia Alberto Diaspro. Ma il web ha contemporaneamente permesso la diffusione delle teorie pseudoscientifiche più disparate: ne parleranno il giornalista Piero Angela e il fisico del CERN Marco DelmastroIl world wide web e il digitale saranno l'ultimo atto della nostra storia evolutiva? Ne discuteranno lo scienziato Claudio Tuniz e l'economista Patrizia Tiberi Vipraio in Homo: un essere oltre natura. E quali risvolti può avere l'utilizzo di internet sulla psiche delle persone? Lo psichiatra Paolo Crepet proporrà l'intervento Baciami senza rete. E ancora: il matematico Claudio Bartoccigli psicoterapeuti Maurizio ArduinoAndrée BellaGiorgio Nardone; il geologo Mario Tozzi.

WEB, ARTE E CUCINA
Con la rete e il digitale cambiano ed evolvono i modi di fare arte, ma anche di fruirne. In Tua figlia erediterà il tuo Tablet? il direttore della Pinacoteca di Brera James Bradburne affronterà la questione del valore dei libri e delle biblioteche nell'era della riproduzione digitale, mentre l'architetto Massimiliano Fuksas terrà un intervento dal titolo Strategy versus Emotion. Or Emotion versus Strategy? e l'economista Severino Salvemini parlerà de La musica della tua vitaInoltre, durante le quattro giornate, l'autrice di graphic novel Cinzia Leone racconterà la manifestazione per immagini. La cucina e il cibo come cultura saranno le tematiche discusse dal giornalista Davide Paolini con lo chef Fabio Picchi (Siti blog Tripadvisor: il cibo sotto la lente di chi naviga), dallo chef Bruno Barbieri con il vice president corporate marketing di Costa Crociere Luca Casaura (La comunicazione del cibo e l'integrazione delle culture) e dallo storico Massimo Montanari (Cucina in rete. Da Pellegrino Artusi al web)

WEB E COMUNICAZIONE
Oggi, grazie alla rete, ciascuno può accedere in tempo reale a una quantità di notizie come mai è successo prima: i mezzi di informazione tradizionali devono tenere conto di questo aspetto e adeguarsi. Si cercherà anche di capire l'influenza positiva e negativa dei social network e ci si interrogherà su quanto sia irreale la realtà virtuale e quanto le nostre percezioni e i nostri comportamenti possano essere manipolati da chi realizza le macchine su cui facciamo affidamento. quale futuro ci possiamo aspettare per l'Italia digitale?
Si affronterà il tema del cambiamento della trasmissione e fruizione di contenuti con Carlo Verdelli, direttore editoriale per l'informazione Rai, e il giornalista Carlo Rognoni, modera il giornalista Massimo Righi (Dalla stampa alla televisione al web: come cambia l'informazione)i giornalisti Mario Calabresi ("Verrà il turno della nostra generazione" - la voce delle nuove generazioni contro i venditori di paure) e Aldo Grasso(La televisione nell'età della convergenza), il car designer Chris Bangle con il direttore scientifico dell'IIT di Genova Roberto Cingolani, il direttore del centro di ricerca IBM di Zurigo Alessandro Curioni. Di social network dialogherà il giornalista Beppe Severgnini con Stefania Chiale (I social sono la palestra dell'odio?), mentre Charles Seife della New York University parlerà di Irrealtà virtuale: la rete i Big Data, informazione e veritàSul lato "oscuro" della rete il semiologo Paolo Fabbri terrà la conferenza Deep Web, ovvero la comunicazione al nero, mentre il filosofo Marco Santambrogio rifletterà sulla memoria, nell'era di internet in cui tutto si trova facilmente, ma altrettanto facilmente si dimentica. Il sociologo Evgenij Morozov risponderà alla domanda La piattaforma del capitalismo arriverà a divorare se stessa? e Paolo Barberis, consigliere per l'Innovazione, discuterà con il giornalista Gianni Riotta e l'esperto di sicurezza informatica Andrea Stroppa sul tema Dal Rinascimento fiorentino, alla Silicon Valley: che futuro oggi per l'Italia digitale?Il filosofo Maurizio Ferraris, infine, proporrà Documedialità: una ragion pratica per il web, mentre il giornalista Massimo Russo illustrerà com'è La vita in mondovisioneInterverranno anchel'autore televisivo Carlo Freccero; il filosofo Riccardo Fedrigai giornalisti Ferruccio de Bortoli con Stefano QuintarelliRoberto CotroneoFurio ColomboFederico Rampini (Il tradimento delle élites: globalizzazione, immigrazione, le promesse mancate)Carola Frediani; da Facebook Italia, il country managerLuca Colombo e da Twitter Italia il country managerSalvatore IppolitoMariangela Marseglia, responsabile europea di Amazon Prime Now; Fabio Vaccarono, country director di Google Italia.
WEB E IMPRESE
La rivoluzione del web ha investito anche gli ambiti dell'economia e delle imprese, basti pensare a quanto è fondamentale oggi per un'azienda un buon marketingonline e a come sono cambiati i modi di proporre e vendere i prodotti. Uno dei settori in cui più si avverte questo cambiamento è l'impresa editoriale: Alvise Leonetti, consulente all'Alta Direzione di IBS, si confronterà con Alessandro Magno, direttore dell'Area Digital di GeMS, Riccardo Porro, market business developer, commercial print di Canon Italia e il responsabile contenuti de ilLibraio.it Antonio Prudenzano su Essere rilevanti in rete: le best practices del digitale italiano nel mondo del libroGiulio Blasi, amministratore delegato di Horizons Unlimited – società che gestisce il servizio MLOL (MediaLibraryOnLine) – illustrerà lo scenario del mondo delle biblioteche, oggi completamente mutato dai processi di digitalizzazione.
Con la rete si possono raggiungere persone in tutto il mondo, un unico, grande, pubblico globaleLuigi De Siervo, AD di Infront Italy, con il vice presidente di Condé Nast Fedele Usai e il giornalista Pierluigi Pardo si concentrerà sul tema Calcio, diritti e nuovi media inun mondo di spettatori globali. Un nuovo modello di business per risolvere la crisi che sta attraversando il mondo dei media sarà oggetto dell'intervento dell'economista Julia Cagé, mentre si parlerà di reputazione con Gabriele Galateri Di Genolapresidente di Assicurazioni Generali, Alessandra Perrazzelli, country manager di Barclays Bank, Marco Sala, amministratore delegato di Gtech e la giornalista Annalisa Bruchi Reputazione italiana all'estero, internazionalizzazione. Gli economisti Salvatore Bragantini e Lucrezia Reichlin dialogheranno su Quale pericolo per l'Italia, le banche o il debito pubblico?
Dal mondo delle imprese parteciperanno anche:Monica Maggioni, presidente della Rai (WWW: Wired Word War - La rete della fiducia e le trappole della paura)Oscar Farinetti, fondatore di Eataly; Edoardo Garrone, presidente del Gruppo ERG; il ministro Stefania Giannini con Evelina Christillin, presidente del Museo Egizio, e l'economista Severino Salvemini(La sostenibilità della cultura: economicità e qualità per una cultura sostenibile)Barbara Morgante, amministratore delegato e direttore generale di Trenitalia, con il giornalista Massimo RussoGiovanni Parapini, direttore Comunicazione RAI con Maurizio Beretta, responsabile a livello globale di Group Identity & Communications in Unicredit, Andrea Prandi, direttore comunicazione e relazioni esterne di Edison, e il direttore di Wired Federico FerrazzaKathryn Fink, amministratore delegato di Fox Networks Group ItalyAnnalisa Galardi di Wingage con l'autore teatrale e televisivo Carlo Turati; il direttore dell'Ente Parco di Portofino Alberto GiraniFrancesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo con il dirigente Luigi GubitosiEnrico Deluchi, presidente e managing director di Canon Italia; Alessandra Bianco, responsabile della direzione global public relations & events di Lavazza con il giornalista Marco Zatterinl'imprenditore Vittorio Malacalza dialogherà con Severino Salvemini nell'incontro dal titolo 31 minuti con Vittorio Malacalza.

WEB E CULTURA DIGITALE
Misurarci con le nuove tecnologie, ora che il web è una presenza sempre più pervasiva nelle nostre vite, è diventata una necessitàSalvatore Aranzulla, che da anni risponde ai dubbi di tipo informatico sul suo sito, sarà a disposizione del pubblico per un inedito Pronto soccorso informaticoI social network sono strumento d'eccellenza oggi per stringere contatti, esprimere opinioni, cercare notizie, ma anche per diventare star: loyoutuber Daniele Doesn't Matter, giovane fenomenodel web, racconterà al Festival il suo percorso. Come vengono usati i social dai nostri bambini? E dai vip? Il preside Pierpaolo Eramo con lo psichiatra Paolo Crepet affronterà il tema delicato del ruolo educativo della scuola nel rapporto tra i bambini e il mondo virtuale di Facebook e Instagram, mentre il semiologo Lucio Spaziante prenderà in esame L'identità pubblica nell'era dei social media: celebrities e icone pop. Ma i social sono anche terreno di esperimenti culturali:interverranno a raccontarlo Luna Orlando(#LezioniDAmore), tra gli ideatori del primo esperimento di filosofia su Twitter, #TwitSofia, e Rick DuFer, che dal2014 ha avviato un progetto di divulgazione filosofica attraverso YouTube. Con internet, ogni cosa è a portata di mano subito, anche migliaia di puntate di serie televisive: la semiologa Valentina Pisanty analizzerà il fenomeno della visione compulsiva di serie tv nell'intervento Binge-watching: la narrativa al tempo di Internet. Il blogger Matteo Bordone parlerà di come amare i videogiochi in E smettila con quel libro!, mentre lo scrittore Pietrangelo Buttafuoco con il professore Gino Ruozzi proporrà gli aforismi di Leo Longanesi in 140 caratteri.
Si tratterà anche di digital economy, web storytelling eblog con: Alessandro Rimassa, direttore e cofondatore di TAG Innovation School; la blogger Anna Venere; dall'Enciclopedia delle donne Rossana Di Fazio con Margherita Marcheselli; il cofondatore di Storyfactory Andrea Fontana; il semiologo Gianfranco Marrone;l'enigmista e saggista Stefano Bartezzaghi; il giornalista Luca De Biase.

WEB E DIRITTI
Internet ha reso accessibili a tutti una serie di informazioni che solo pochi anni fa avremmo considerato private. Si discute sempre più spesso di privacy e di chi controlla i nostri dati, di sicurezza informatica e cybercrimini. A parlarne al Festival: il giurista Sabino Cassese Chi governa il web?; l'ex magistrato Gherardo Colombo con Armando Spataro, procuratore capo della Repubblica di Torino, e l'avvocato Vincenzo Roppo Giustizia, comunicazione, privacy: la Costituzione al tempo del webAlessandro Armando, esperto di cybersecurity, con Luca Sabatini, portavoce del rettore dell'Università di Genova Tra cybercrimini e cyberterrorismo. I nuovi paradigmi della sicurezza informaticaLuigi BerlinguerComunicazione, cultura e riforme per l'Italia di domani.

Come è tradizione del Festival, spazio anche agli spettacoli: teatro e musica per un ulteriore e inedito sguardo sul mondo della comunicazione. Con Gianni Coscia (Gianni Coscia con piccola fisarmonica), Andrea De Carlo (Parole e musica), Claudio Bisio e Michele Serra con Denise Pardo (Padri e Figli: iperconnessi ma scollegati?), Marco Travaglio che porterà in scena, con Giorgia Salari nei panni del ministro Maria Elena Boschi, le ragioni del Sì e del No al referendum sulla Costituzione (Perché No).
Infine, una notte a teatro con Dolores e, per gli appassionati di film, le serate di cinema sotto le stelle, con una minirassegna dedicata a Roberto Benigni (Johnny StecchinoPinocchioLa vita è bella).

Come tutti gli anni, il Festival propone un ampio programma di laboratoriworkshop e attività collaterali, studiati per le diverse fasce d'età. Per ragazzi e adulti, le proposte spaziano dalla letteratura alla scienza, dalla formazione alla tecnologia; ricchissimo anche il palinsesto per i più piccoli, cui sono dedicati sei appuntamenti.
Durante i giorni della manifestazione sarà visitabile la mostra La rete dell'arte nella rete della vita, che presenterà un'ampia selezione di opere della Collezione Remotti.
Per gli amanti dell'aria aperta, tornano le escursioni alla scoperta del patrimonio naturale dell'Area Marina Protetta del Promontorio di Portofino e del Monte di Portofino.

Novità di quest'anno è il contest su Twitter promosso dal Festival della Comunicazione, da Longanesi e da Il Libraio, un'attività di comunicazione dedicata agli aforismi di Leo Longanesi. Tutti saranno invitati a reinterpretare le scoccate letterarie su Cultura e libri, Cialtronismo, Amore, Italia.

Ad animare i canali social del Festival, quest'anno sarà una squadra di 8 studenti-reporter provenienti dalla scuola Holden, selezionati in base a un concorso, che durante la manifestazione produrranno contenuti ad hoc per raccontare le quattro giornate.

Il Festival della Comunicazione è organizzato in collaborazione con l'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, l'Ente Parco di Portofino, l'Area Marina Protetta di Portofino, il Talent Garden di Genova, l'Università degli Studi di Genova, il Gruppo editoriale Mauri Spagnol, FME Education.

Tutte le iniziative del Festival sono gratuite e aperte al pubblico fino a esaurimento posti. Per circa metà dei posti disponibili per ciascun evento sarà possibile effettuare una prenotazione online fino al 5 settembre.

Facebook: FestivalComunicazione - Twitter: FestivalCom
Instagram: festivalcomunicazione – CanaleYoutube: FestivalComunicazioneit



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI