Cerca nel blog

giovedì 10 novembre 2016

Convegno "Quale energia e quali impatti nell'Industria 4.0"




ENERGIE RINNOVABILI: LA RICERCA SCIENTIFICA ITALIANA È 8° NEL MONDO

i dati dell'IGP - Index Green Paper
dell'Osservatorio Nazionale di ISES Italia

Rimini, 10 novembre 2016. L'associazione tecnico-scientifica no profit ISES Italia, in occasione della manifestazione Key Energy di Rimini, ha presentato ieri i risultati del

2° Rapporto sulla Produzione Scientifica in tema di Energie Rinnovabili
elaborato dall'Osservatorio Nazionale di ISES Italia.


L'obiettivo del rapporto è quello di confrontare la posizione della ricerca italiana nel settore delle energie rinnovabili rispetto al contesto internazionale attraverso il calcolo dei principali indicatori bibliometrici disponibili, contenuti nelle banche dati ISI Web of Science di Thomson-Reuters e SCIval di Scopus.

La ricerca ha così elaborando un indice rappresentativo per l'anno 2015 – IGP Index (Index Green Paper), che sintetizza con un punteggio tre fattori: il numero delle riviste internazionali maggiormente utilizzate dalla comunità scientifica (IGP riv), la nazionalità dei ricercatori affiliati alle pubblicazioni (IGP aff) e l'impatto scientifico in termini di numero di citazioni ricevute e qualità della sede di pubblicazione (IGP cit).

Risultati:

Su 154 Paesi presi in considerazione, la ricerca scientifica italiana nel settore delle energie rinnovabili è all'ottavo posto nel mondo, scendendo così di due posizioni rispetto allo scorso anno. 

Guidano la classifica gli USA arrivati primi, la Cina seconda e il Regno Unito al terzo gradino del podio. Prima dell'Italia troviamo ancora Germania (4°), Corea del Sud (5°), Giappone (6°) e India (7°).

Dopo la nostra posizione invece si collocano Australia (9°), Canada (10°), Francia (11°), Spagna (12°), Paesi Bassi (13°) e Malaysia (14°). 

Una classificazione che non si discosta molto dai risultati del primo rapporto ISES Italia. 

Ad aggiudicarsi il podio nel 2014 sono state infatti in ordine Cina, Stati Uniti e Regno Unito.

Analizzando singolarmente i tre fattori che compongono l'IGP Index, il nostro Paese risulta 7° nell'IGP riv, 8° nell'IGP cit e infine 10° nell'IGP aff.


Tra i personaggi che sono intervenuti al convegno: Stefano Saglia, Segretario Generale Associazione Parlamentari per lo Sviluppo Sostenibile, Giampiero Joime, professore Economia Ambientale - Università degli studi Guglielmo Marconi, Marco Gamba, Smart Manufacturing Project Manager di Schneider-Electric, Attilio Piattelli, fondatore SunCity, Paolo Manfredi, Responsabile delle strategie digitali di Confartigianato e Andrea Penza, Presidente AICT.

Prof. Umberto Di Matteo, Presidente di ISES Italia: "L'IGP index elaborato dal nostro Osservatorio è lo strumento che mancava per comprendere definitivamente quanto la ricerca scientifica italiana riesca a essere un'eccellenza nel mondo nonostante il poco sostegno che riceve a livello pubblico, la pesante crisi economica del sistema privato e la conseguente "fuga dei cervelli" all'estero. 
La comunità scientifica italiana crede nelle rinnovabili e questa fiducia deve essere recepita dagli organi decisori del nostro Paese. 
La politica ritorni a considerare le rinnovabili quindi come una risorsa e non come un ostacolo per l'Italia".

Onorevole Stefano Saglia, Segretario Generale Associazione Parlamentari per lo Sviluppo Sostenibile: "E' interessante vedere che le applicazioni di cui si ragiona attorno all'industria 4.0 sono legate al mondo della manifattura, alla logistica, alla organizzazione dei processi industriali e alla stessa composizione e produzione dei prodotti.
Cosa sta facendo ora l'Italia e il Governo? 
Il nostro Paese ha una struttura diversa, soprattutto per la prevalenza delle piccole e medie imprese. 
Deve investire quindi sulle infrastrutture, le grandi compagnie devono creare infrastrutture che passino attraverso la diffusione della banda ultralarga e poi ci sono degli strumenti di sostegno alle imprese private. 
Il ministro Calenda ha più volte ripetuto che non crede negli incentivi verticali dei finanziamenti diretti alle imprese ma di più nelle agevolazioni orizzontali. 
Questo riguarda il fatto che è stato confermato il superammortamento dell'acquisto dei nuovi macchinari del 140 % e il prodotto libero ammortamento per il 250%. 
Il che significa avere la possibilità di poter decidere di fare degli investimenti in maniera più efficace. 
Sulla questione dell'efficienza energetica si sta attendendo l'emanazione del nuovo decreto ministeriale che è in bozza sui titoli di efficienza energetica, i cosiddetti certificati bianchi".

L'IGP index è stato presentato ieri a Rimini, nel corso della manifestazione Key Energy, durante il convegno "Quale energia e quali impatti nell'industria 4.0", organizzato da ISES Italia.



Attiva dal 1978, ISES ITALIA è la sezione italiana dell'International Solar Energy Society ed è, nel nostro Paese, la più antica associazione tecnico-scientifica no profit legalmente riconosciuta per la promozione dell'utilizzo delle Fonti Energetiche Rinnovabili.


ISES ITALIA
via dei Banchi Vecchi, 58 - 00186 Roma


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI