Cerca nel blog

sabato 10 settembre 2016

SANA 2016, sempre più internazionale

2.300 incontri b2b con buyer in arrivo da 27 Paesi


Dai dati dell'Osservatorio SANA presentati in Fiera: il mercato estero cresce del 16% nel 2015 e l'export bio del 408% dal 2008





BUYER INTERNAZIONALI, CRESCONO DEL 29% I PAESI RAPPRESENTATI

SANA cresce da tutti i punti di vista. Sono sempre più numerosi i Paesi che vedono in SANA una manifestazione di riferimento per il settore: lo dimostrano i 2.300 incontri b2b tra le aziende presenti in Fiera e i buyer in arrivo da 27 Paesi: Albania, Belgio, Bulgaria, Bosnia ed Erzegovina, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Inghilterra, Polonia, Olanda, Romania, Russia, Serbia, Slovenia, Svezia, Ucraina, Ungheria e Australia, Canada, Cina, Emirati Arabi Uniti, Giappone, Sud Corea e Usa.



Il programma mirato di match making è organizzato in collaborazione con FederBio, mentre l'incoming sempre più serrato di delegazioni straniere è frutto dei progetti avviati con la collaborazione del MIPAAF - Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali e di ICE – Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane.


Nella grande Buyer Lounge – realizzata nel Padiglione 29 di SANA – dal primo giorno si susseguono gli incontri fra i buyer esteri in visita alla manifestazione e gli espositori, contatti che sviluppano importanti occasioni di business per il bio made in Italy, fortemente apprezzato sui mercati esteri.


MIPAAF e ICE hanno sottoscritto, nell'ambito del Piano straordinario a favore del Made in Italy, una convenzione finalizzata alla valorizzazione dei nostri prodotti DOP e IGP in Nordamerica (Canada e USA), che prevede tra l'altro proprio azioni di incoming in occasione di Fiere di livello internazionale come SANA.


Buyer e giornalisti canadesi e statunitensi, in particolare, sono presenti a SANA all'interno del progetto "Valorizzazione delle Produzioni di eccellenza" di ICE che prevede incontri con le aziende espositrici e li coinvolge in un programma di visite presso imprese e consorzi del territorio.



IL MADE IN ITALY ALL'ESTERO

Fra i mercati di grande interesse per il bio quello canadese e quello statunitense, ai quali l'Osservatorio SANA-ICE 2016 "Tutti i numeri del Bio" presentato ieri in occasione della giornata inaugurale del Salone ha dedicato un focus..


Dati alla mano, l'interesse per il bio è forte anche oltre oceano. Negli USA la quota di famiglie che negli ultimi 12 mesi ha acquistato in almeno un'occasione un prodotto alimentare biologico è dell'81%, superiore a quella del Canada, dove il tasso è del 76%.

Anche il bio Made in Italy riscuote successo nei due mercati (il 10% dei consumatori in USA e il 5% in Canada ha provato almeno una volta i nostri prodotti bio), il bio italiano ha un'ottima reputazione con potenziale ancora inespresso (pochi gli acquirenti effettivi).


In ottica di esportazione e internazionalizzazione, è importante sapere che per il consumatore USA, l'Italia è il primo nella classifica dei Paesi che producono i prodotti alimentari biologici di migliore qualità: lo pensa un terzo degli americani, il 15% dei canadesi.


Oltre l'80% dei consumatori statunitensi e canadesi sono interessati ai prodotti bio Made in Italy: quelli con il maggior potenziale sono la pasta (37%), olio extra vergine (31%), formaggi (27%), passate e condimenti a base di pomodoro (16%), vino (15%).



È l'estero in generale a rappresentare un bacino di grande interesse: l'export cresce addirittura del +408% rispetto al 2008 (contro il +40% dell'export agroalimentare totale) e del +16% rispetto a un anno fa.



Stando ai dati disponibili, l'Italia, con 1.420 mln € (1.650 nel 2015) è il secondo paese al mondo per fatturato estero bio food.



Ultima nota, il profilo: Il consumatore USA del Made in Italy bio è giovane (18-35 anni),  ha un'istruzione universitaria e un reddito sopra i 70.000 $ annuii.



L'Osservatorio è promosso e finanziato da ICE in collaborazione con BolognaFiere e realizzato da Nomisma, con il patrocinio di FederBio e AssoBio.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI