Cerca nel blog

martedì 31 marzo 2015

A Roma ritorna il Festival dell'Oriente - 24-25-26 e 30 Aprile - 1-2-3 Maggio

24-25-26 Aprile e 30 Aprile-1-2-3 Maggio

ROMA - FIERA DI ROMA

Festival dell'Oriente

Esplorare l'Universo d'Oriente

Immergersi nelle culture e nelle tradizioni di un Continente sconfinato. Il 24, 25, 26 Aprile ed ancora il 30 Aprile, 1, 2, 3 Maggio, il Festival dell'Oriente ritorna a Roma, al complesso fieristico di Fiera di Roma, dopo lo straordinario successo dell'anno passato. Mostre fotografiche, bazar, stand commerciali, gastronomia tipica, cerimonie tradizionali, spettacoli folklorisitici, medicine naturali, concerti, danze e arti marziali si alterneranno nelle numerose aree tematiche dedicate ai vari paesi in un continuo ed avvincente susseguirsi di show, incontri, seminari ed esibizioni. Interagisci e sperimenta gratuitamente decine di terapie tradizionali, visita il settore dedicato alla salute e al benessere con i suoi padiglioni dedicati alle terapie olistiche le discipline bionaturali,lo yoga, ayurvedica, fiori di bach, theta healing, meditazione, spazio vegano, reiki, massaggi, ci kung, tai chi chuan, shiatsu, tuina, bio musica, rebirthing, integrazione posturale, e molte altre ancora. Lasciati trasportare nella magia dell'oriente: India, Cina, Giappone, Thailandia, Indonesia, Marocco, Filippine, Malesia ,Vietnam, Mongolia, Nepal, Birmania, Cambogia ect…

Ti aspettano con i colori, le musiche ed i profumi
di terre lontane.

Info per Partecipare come Espositore

Per partecipare come espositore e per ogni eventuale informazione non esitate la segreteria organizzativa ai seguenti recapiti:
Tel. 0585 861311 Cell: 366 6909923 oppure 339 3766746
Oppure via E-mail: angela@festivaldelloriente.net
All'interno dei nostri uffici troverete sempre qualcuno del nostro Staff pronto a fornirvi ogni informazione necessaria.

Antiquaria Padova, al via la XVIII edizione


                                                               Antiquaria Padova, al via la XVIII edizione
Appuntamento in Fiera a Padova da sabato 11 aprile a domenica 19 aprile

(Comunicato stampa, 31.03.15) È già scattato il conto alla rovescia in vista della XXVIII edizione di Antiquaria Padova, che torna in Fiera a Padova da sabato 11 aprile 2015 fino a domenica 19 aprile 2015: fra le novità di quest'anno la scelta di spostare il vernissage - tradizionalmente fissato la sera precedente l'apertura ufficiale - alla mattinata di apertura (ore 11).

Antiquaria si conferma un appuntamento "tradizionale" e attesissimo - capace di rinnovarsi ogni anno e di non deludere mai le aspettative della vigilia - dedicato ai collezionisti, agli appassionati, ma anche ai "curiosi" che si affacciano per la prima volta al mondo dell'antiquariato.

Se non mancheranno i pezzi di grandissimo valore per soddisfare le esigenze dei collezionisti più attenti ed esigenti, quest'anno saranno ben rappresentate anche le proposte "per tutte le tasche", pensate anche per chi vuole "regalarsi" un pezzo di antiquariato per impreziosire la propria abitazione, ma non dispone di un budget elevato.

Di sicuro intesse la sezione dedicata al gioiello, con una presenza davvero qualificata di espositori provenienti da tutto il panorama nazionale: l'offerta - che contempla tanti pezzi unici di straordinaria fattura artigianale - va dalle parure d'epoca decó ai bracciali anni quaranta. Anche in questo caso ai gioielli antichi, alcuni dei quali di valore davvero inestimabile, delle vere e proprie "chicche" per i collezionisti più attenti, si affiancano i gioielli moderni, con una proposta che incontra davvero tutti i gusti e tutte le esigenze.

Ricchissima la proposta di mobili antichi, con pezzi unici pregiatissimi che vanno dalle credenze in radica di noce di fine Seicento ai trumeau del Settecento. Accanto ai mobili, una collezione unica di arazzi e tappeti, con delle vere e proprie chicche che vanno dagli arazzi delle Fiandre dei XIV secolo a pezzi introvabili altrove di provenienza cinese o caucasica.

Di grande rilievo anche la selezione di opere pittoriche del Seicento, Settecento e Ottocento proposte in Fiera. Fra le "perle" dell'edizione di quest'anno, figura inoltre una collezione di ceramiche del Settecento e Ottocento della prestigiosa "scuola" di Nove di Bassano.

Anche quest'anno Antiquaria si conferma inoltre una manifestazione aperta al territorio e rinnova la fortunata collaborazione con i commercianti padovani. Un centinaio gli esercizi commerciali partner della manifestazione: nei negozi contrassegnati dalla vetrofania di Antiquaria i clienti potranno ricevere in omaggio dei biglietti che consentono l'ingresso alla manifestazione al costo di un euro.

VII "PROGETTO COMFORT", LA SOSTENIBILITÀ IN ESPOSIZIONE

cid:image002.jpg@01D03BE0.3DF3B800

Dal 16 al 18 aprile 2015, Centro fieristico Le Ciminiere – Catania

COSTRUZIONI, ENERGIA E AMBIENTE: LA SFIDA DI "PROGETTO COMFORT"

CATANIA – Catania apre le porte al mondo fieristico "Eco": l'occasione sarà la settima edizione del Salone nazionale Progetto Comfort, che grazie alle quattro macro aree espositive tematiche – Energia, Ambiente, Eco Costruzioni e Clima – accenderà i riflettori sull'efficienza energetica e su tutto ciò che ruota attorno alla tematica.

Con una novità: il cambio di location. Dal 16 al 18 aprile 2015, infatti, il Salone si avvicinerà alla città, e sarà ospitato negli spazi del centro fieristico Le Ciminiere, nel cuore di Catania, per accorciare ancor di più le distanze tra utenza e addetti ai lavori e abbracciare una più ampia fetta di interlocutori.

La sfida è quella di superare le barriere tra domanda e offerta per agevolare il rilancio dell'economia locale. Questo fa di Progetto Comfort – organizzato da A2 Communication la principale manifestazione Fieristica Nazionale del Sud-Italia del settore, che ha messo in agenda focus su: costruzioni eco sostenibili, materiali eco compatibili, impiantistica avanzata, installazione dei sistemi di generazione dell'energia da fonte rinnovabile, controllo intelligente dei sistemi gestionali del fabbisogno energetico. Occhi puntati anche sul trasporto efficiente, grazie all'utilizzo di mezzo sostenibili a ridotto impatto ambientale che, oltre al comparto dell'intermodalità, coinvolge anche il settore automobilistico.

Un appuntamento importante e in controtendenza con la crisi del settore fieristico che colpisce da anni il meridione d'Italia, complice anche una politica nazionale che finanzia quasi esclusivamente le realtà del Nord, portando gli imprenditori del Sud a farsi carico da soli degli sforzi finanziari necessari: «Visto il contesto generale, Progetto Comfort affronterà il tema – commenta Salvatore Peci, presidente del Salone - il nostro lavoro è un esempio di buone prassi e dimostra che la voglia di fare prevale sulle difficoltà».

Immancabile il contributo dei numerosi partner commerciali, istituzionali e degli enti patrocinanti: new entry di grande prestigio è quella del Gruppo Wurth, (leader mondiale nella distribuzione di prodotti e sistemi per il fissaggio e il montaggio presente in 84 paesi con più di 400 aziende).

Prestigiosi i patrocini dell'ICE (l'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane) e di ANIE Energia, che aderisce alla Federazione di Confindustria e rappresenta le imprese elettrotecniche ed elettroniche. Si aggiungono al ricco bacino di realtà regionali e nazionali che supportano da sempre il Salone, l'Università di Catania, gli Ordini professionali di Architetti e Ingegneri e numerosi enti di categoria.

Il Salone è visitabile da giovedì 16 a sabato 18 aprile, dalle 10.30 alle 19.30, ingresso libero con invito rilasciato su www.progettocomfort.org

Modernità e comfort in hotel vicino Fiera di Milano all’Holiday Inn Milan Garibaldi Station

Se state organizzando il vostro soggiorno business a Milano vi interesserà una comoda sistemazione a due passi dai principali quartieri fieristici, una location con servizi moderni e flessibili in grado di fornirvi il supporto necessario per i vostri impegni di lavoro.

Trovare un hotel vicino alla Fiera di Milano non è poi così difficile, ma trovare quello giusto è meglio. Per questo è buona consuetudine affidarsi ad un marchio che è da tempo garanzia di sicurezza e qualità, e Holiday Inn Milan Garibaldi Station è un’ottima opzione in tal senso.

A metà strada tra Fiera Milano City e Fiera Milano Rho, questo hotel 4 stelle a Milano è perfetto per soggiorni business, a pochi passi dalla Stazione Porta Garibaldi, quindi molto comodo per spostarsi in treno o in metropolitana.

La Fiera Milano Rho, in particolare, quest’anno sarà un punto d’appoggio di grandissima importanza per l’eccezionale Expo 2015 che si terrà a Milano, un palcoscenico internazionale di novità e migliorie in una miriade di settori merceologici: insomma un appuntamento imperdibile per spingere in made in Italy a livelli altissimi.

Che siate addetti al settore o semplici curiosi delle novità in campo, non perdete l’appuntamento con l’Expo e con la Fiera di Milano, alloggiando all’Holiday Inn Milan Garibaldi Station potrete concedervi un soggiorno molto confortevole.

L’hotel dispone di parcheggio e servizio di noleggio auto con conducente, collegamento wi fi e meeting rooms pensate apposta per incontri di lavoro di ogni genere.
Da sottolineare il comfort e la praticità che trovate in camera, con ambienti insonorizzati, TV sat, minibar e cassaforte. Una ricca colazione a buffet vi aspetta al mattino, per iniziare la giornata con le giuste energie.

A disposizione degli ospiti anche un ottimo ristorante che propone piatti orientali e mediterranei.
Il Fashion Bar, invece, è il posto perfetto per sorseggiare un drink.

Holiday Inn Milan Garibaldi Station è a 15 minuti dalla Fiera Milano City ed a 20 da Fiera Milano Rho, mentre il centro di Milano è a soli 3 km. Per chi arriva in aereo, l’Aeroporto di Milano Linate è a 30 minuti di auto.

lunedì 30 marzo 2015

Fuorisalone LAZIO FACTORY DESIGN torna in Zona Tortona con progetti di design sostenibile

LAZIO FACTORY DESIGN TORNA AL FUORISALONE 2015
Le eccellenze territoriali del design laziale che si ispirano all'ecosostenibilità ambientale sono protagoniste della collettiva di aziende,  presentata da Unioncamere Lazio e Regione Lazio, esposta all'hotel nhow Milano in zona Tortona con la direzione artistica di ADI Lazio. 
La seconda edizione della collettiva di imprese laziali LAZIO FACTORY DESIGN torna al Fuorisalone in programma a Milano dal 14 al 19 aprile 2015, promossa nell'ambito dei rispettivi programmi di promozione e di internazionalizzazione da Unioncamere Lazio e Regione Lazio, in collaborazione con Lazio Innova SpA, Camera di Commercio di Roma, Aspiin, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Frosinone e le Associazioni di categoria di settore. In concomitanza con il Salone Internazionale del Mobile, diverse eccellenze territoriali del design laziale che si ispirano all'ecosostenibilità ambientale sono esposte con la direzione artistica di ADI Lazio al T35 all'interno dell'hotel nhow Milano di Via Tortona 35 nel contesto della mostra dal titolo design stories.

LAZIO FACTORY DESIGN esprime la competenza e la creatività delle produzioni laziali, raccontate attraverso creazioni frutto della fusione tra arte, tecnologia, tradizione artigianale, design ed innovazione, in un contesto internazionale ideale per dare voce al design, importante motore di sviluppo economico anche a livello regionale. Nell'area espositiva, le aziende selezionate per questa edizione portano una serie di prodotti che si ispirano ai principi di eco sostenibilità e rispetto per il Pianeta e spaziano dall'arredamento ai complementi d'arredo, interior design, illuminazione, tessuti e accessori.

Nelle serate del 14, 15 e 16 aprile dalle 18 alle 21 gli ospiti potranno degustare prodotti tipici regionali, una anticipazione della presenza, con un proprio spazio espositivo, di Roma e della Regione Lazio ad Expo 2015. Dalle 18 alle 19 di mercoledì 15, presentazione di aziende, designer, prodotti selezionati nell'ADI INDEX 2014, cui è stato conferito il Premio Eccellenze del Design nel Lazio.
 
LAZIO FACTORY DESIGN

T35 - nhow Milano (
design stories) -Via Tortona 35 - dal 14 al 19 aprile ore 10-21. press preview: lunedì 13 aprile ore 15-20. Cocktail: 14, 15 e 16 aprile ore 18-21.

CLOROS CON FRONIUS A SOLAREXPO | INNOVATION CLOUD - Insieme per offrire soluzioni complete di efficienza energetica // Milano Congressi 8-10 aprile 2015 // livello 0 stand C18A

MiCo – Milano Congressi, dall'8 al 10 aprile 2015

CLOROS CON FRONIUS A SOLAREXPO | INNOVATION CLOUD
Insieme per offrire soluzioni complete di efficienza energetica

Riccardo Caliari: "Offriamo consulenza per l'ottenimento di Certificati Bianchi che, secondo le stime della SEN, possono contribuire alla riduzione di circa 5 Mtep all'anno dei consumi finali di energia".

Marzo 2015 - Non solo servizi e consulenza, ma concrete soluzioni di efficienza energetica per le aziende. Cloros partecipa a SOLAREXPO | INNOVATION CLOUD (8-10 aprile 2015) in partnership con Fronius, da più di 20 anni leader mondiale nel settore degli inverter per impianti fotovoltaici.

Fronius sarà presente in fiera con il progetto "Insieme, per la tua efficienza energetica" (livello 0 stand C18A) a cui partecipano aziende produttrici e aziende di servizi del settore – tra cui Cloros – con l'obiettivo di creare relazioni e fornire soluzioni congiunte agli operatori e alle imprese in tema di efficienza energetica ed energie rinnovabili. Cloros – E.S.Co. certificata ISO 90001 e UNI CEI 11352 – offrirà dunque al pubblico di Solaexpo informazioni e consulenza in tema di Certificati Bianchi (o TEE Titoli di Efficienza Energetica), una forma di incentivazione connessa alla vendita e/o installazione di prodotti e apparecchiature ad alta efficienza energetica. Il risparmio energetico generato da un intervento di efficienza energetica può essere dunque valorizzato attraverso il meccanismo di tali titoli in grado di aumentare il guadagno ottenuto dall'intervento stesso.

"I benefici economici derivanti da un intervento di efficienza energetica non si limitano al risparmio sulle bollette" – spiega Riccardo Caliari, Amministratore Delegato di Cloros – "Il nostro compito è quello di aiutare le aziende a liberare il potenziale economico legato a questo tipo di investimenti, occupandoci anche delle procedure per l'ottenimento dei TEE e operando sul mercato per massimizzare il valore dei certificati".

"Abbiamo deciso di presentarci a Solarexpo insieme a Fronius, con cui già collaboriamo da tempo con successo" – continua Caliari – "perché rappresenta un partner altamente competente e condividiamo lo spirito del lavoro di squadra per garantire alle aziende un'offerta di prodotti e servizi completa e qualificata".

"Una delle collaborazioni che sta avendo più successo" – dichiara Alberto Pinori, Direttore Generale di Fronius Italia – "è proprio quella con Cloros che supporta la nostra rete di installatori qualificati Fronius Service Partner Plus nell'ottenimento dei Certificati Bianchi. Tra le due aziende vi è una totale sinergia e cooperazione dal punto di vista sia tecnico che formativo con azioni congiunte per sensibilizzare il pubblico del fotovoltaico sul tema dei TEE che in Italia purtroppo è ancora poco conosciuto e valorizzato".

Tra gli obiettivi individuati nella Strategia Energetica Nazionale (SEN) vi è quello della diminuzione dei consumi primari in un range dal 17% al 26% al 2050 rispetto al 2010. In termini di obiettivi quantitativi il programma al 2020 si propone di risparmiare 20 Mtep di energia primaria l'anno, e 15 Mtep di energia finale, raggiungendo al 2020 un livello di consumi circa il 24% inferiore rispetto allo scenario di riferimento europeo.

"In questo scenario strategico" – spiega Caliari – "è inserito il meccanismo dei Certificati Bianchi che si stima possa contribuire, secondo la SEN, per circa 5 Mtep all'anno dal 2011 al 2020 sulla riduzione dei consumi finali di energia".

Il sistema dei Certificati Bianchi, o Titoli di Efficienza Energetica (TEE), è stato introdotto nella legislazione italiana dai decreti ministeriali del 20 luglio 2004 e s.m.i. e prevede che i distributori di energia elettrica e di gas naturale raggiungano annualmente determinati obiettivi quantitativi di risparmio di energia primaria. Tali certificati sono titoli negoziabili che dimostrano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia attraverso interventi e progetti di incremento di efficienza energetica.

Cloros è una E.S.Co (Energy Service Company) - certificata UNI11352 - fondata nel 2009. Attiva in Italia e all'estero, l'azienda oggi conta oltre 100 clienti, 15 collaboratori e si è stabilmente affermata tra i leader del mercato dell'efficienza energetica, avendo all'attivo numerosi progetti di auditing energetico, ottenimento di Titoli di Efficienza Energetica e consulenza per la creazione di sistemi di gestione dell'energia certificati ISO50001. A partire dal 2011 Cloros ha deciso di ampliare i propri servizi anche alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica e al marketing, attuando importanti collaborazioni per il calcolo di carbon footprint e water footprint di prodotti agricoli, industriali, eventi e per la compensazione delle emissioni di gas serra con progetti di sostenibilità realizzati direttamente in paesi in via di sviluppo. Cloros si propone di lavorare in partnership con le imprese, in particolare con le PMI, per fornire soluzioni che aumentino la competitività, migliorando l'efficienza dei processi e dei prodotti e costruendo nuove opportunità di business attraverso la sostenibilità e l'internazionalizzazione.

Fronius Italia ha sviluppato nel 2014 il concetto di "Fotovoltaico in evoluzione" lanciandolo in un convegno presso Villa Quaranta con più di 300 partecipanti e portandolo in tutta Italia con 21 tappe in altrettante città (più di mille persone coinvolte). Il tema fondamentale è quello del lavoro di "squadra": il mercato dell'energia non tollera più improvvisazioni ma sopravvive solo chi opera con solide radici che possano garantire serietà e professionalità. L'installatore che vuole continuare a operare in questo settore deve avvalersi di partner affidabili e lavorare in squadra.




venerdì 27 marzo 2015

KEY ENERGY 2015, IN NOVEMBRE IL MONDO DELL’ENERGIA SOSTENIBILE TORNA A RIMINI


Si terrà a Rimini Fiera dal 3 al 6 novembre l'appuntamento più atteso del settore. Tre i filoni principali: Key Wind per l'eolico, Key Energy Bio-Green Processing per le bioenergie e Key Energy White Evolution  per l'efficienza energetica in ambito industriale
 

 

Rimini, 27 marzo 2015 - L'Italia che investe sulle fonti rinnovabili e sull'efficienza energetica torna a Rimini Fiera dal 3 al 6 novembre 2015 con KEY ENERGY, il salone dedicato all'Energia e alla Mobilità Sostenibili.

 

Forte del peso crescente delle energie green sulla produzione elettrica nazionale (l'anno scorso la quota da rinnovabili è arrivata al 38% del totale) e della disponibilità dei fondi di investimento internazionali a finanziare la riqualificazione energetica anche in Italia, il settore sarà ampiamente rappresentato nel quartiere fieristico riminese con aree dedicate ad eolico, efficienza energetica e bioenergie, con focus sul biometano e sull'efficienza energetica per l'industria.



Assisteremo al ritorno di KEY WIND, unico evento italiano per le aziende del settore eolico. organizzato in collaborazione con ANEV, l'Associazione Nazionale Energia del Vento, per la sua terza edizione Key Wind ospiterà i principali operatori e produttori di tecnologie per impianti eolici mini, midi e maxi.

A dimostrazione della rilevanza internazionale della manifestazione, è bene ricordare che la prossima settimana, nell'ambito della promozione estera della manifestazione, i rappresentanti di Anev e KEY WIND interverranno a un importante evento di settore in Turchia, per presentare agli imprenditori locali l'esperienza dell'industria italiana e le potenzialità del nostro mercato ancora da sfruttare.

 

Nuova edizione anche per BIO-GREEN PROCESSING, l'appuntamento organizzato in collaborazione con CIB, il Consorzio Italiano Biogas, che accoglie le aziende di questa specifica filiera e, più in generale, tutte quelle che si occupano di bioenergie ottenute a partire da scarti agricoli e di allevamento.

Un comparto industriale che proprio in queste settimane sta vivendo un periodo di fermento per il via libera dato dall'Autorità per l'energia al biometano, il gas per uso veicolare proveniente da fonte "naturale" e non fossile. Secondo stime del CIB, l'Italia potrebbe produrre circa 670 milioni di metri cubi di biometano entro il 2020. Al 2030 il settore potrebbe coprire i consumi annui di circa 1 milioni di veicoli.

 

Infine, nuova edizione anche per KEY ENERGY WHITE EVOLUTION, l'evento sull'efficienza energetica organizzato in collaborazione con ANIE ENERGIA, COGENA e FIRE che punta a replicare i buoni risultati ottenuti dalla prima edizione. Si tratta di un segmento di particolare interesse: l'ultimo report Enea sull'efficienza evidenzia come le riduzioni maggiori avvenute negli scorsi anni nell'impiego di energia arrivino proprio dai settori trasporti (- 9,2%) e industria (- 7,6%).


Ad esso sarà dedicato un intero padiglione dove saranno presentate tecnologie, sistemi e soluzioni per un uso intelligente delle risorse energetiche in ambito industriale.

 

Come sempre, KEY ENERGY si tiene in contemporanea con ECOMONDO, la fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile e gli altri appuntamenti che rappresentano l'intera filiera della green economy: SA.LVE, il salone biennale del veicolo per l'igiene urbana in collaborazione con ANFIA, che propone i prodotti tecnologicamente più avanzati sul mercato degli allestimenti, la raccolta e il trasporto di rifiuti solidi e liquidi; H2R Mobility for Sustainability coi grandi marchi automobilistici e i loro modelli all´avanguardia: macchine alimentate a metano, GPL, elettriche o ibride; COOPERAMBIENTE,  il salone del sistema cooperativo legato all´ambiente in collaborazione con Lega Coop; CONDOMINIO ECO, con le soluzioni tecnologiche per rendere meno energivori gli immobili residenziali.


Nel 2015 a Rimini Fiera tornano anche gli Stati Generali della Green Economy, promossi dal Consiglio nazionale della Green Economy (66 organizzazioni d'impresa  Fondazione Sviluppo Sostenibile presieduta da Edo Ronchi e con la partecipazione dei ministeri dell'Ambiente e dello Sviluppo Economico).


COLPO D'OCCHIO:
Qualifica: Fiera internazionale; periodicità: annuale; edizione: 9a; ingresso: operatori e grande pubblico; biglietti: intero 20 euroi; ingresso ridotto 8 Euro; ingresso universitari (con presentazione libretto) 3 Euro; orari: 9-18, ultimo giorno 9-17; direttore business unit: Simone Castelli; project manager Key Energy: Barbara PAdovan info espositori: tel. 0541.744317; mail: ecomondo@riminifiera.it; website: www.ecomondo.com; facebook: www.facebook.com/EcomondoRimini; twitter: http://twitter.com/Ecomondo; hashtag ufficiale: #ecomondo

giovedì 26 marzo 2015

Presentata alla fiera Interspill di Amsterdam 'MLV', la piattaforma tecnologica made in Puglia per la gestione delle emergenze dovute a incidenti marittimi con immissione di inquinanti

L'innovativa piattaforma informatica per la gestione delle operazioni anti-inquinamento nel porto di Taranto presentata alla Interspill di Amsterdam: interesse di  player mondiali del settore 'oil spill'


Bari, 26 marzo 2015. E' stata presentata per la prima volta alla fiera Interspill di Amsterdam (24 - 26 marzo) 'MLV®', l'innovativa piattaforma informatica operativa nel porto di Taranto (il secondo in Italia per dimensioni), realizzata dalla CLE di Bari.

La soluzione, frutto di un lavoro di ricerca e sviluppo di oltre tre anni condotto da CLE, è unica per la sua capacità di raccogliere, aggregare ed elaborare informazioni provenienti in tempo reale da tutti gli attori coinvolti negli interventi di prevenzione e gestione emergenze dovute a incidenti con immissione in acqua di inquinanti.

Per la sua unicità, che consente di minimizzare i tempi degli interventi massimizzandone l'efficacia, la piattaforma MLV ha avuto riscontri di interesse da circa 10 player mondiali del settore 'oil spill' (compagnie petrolifere, autorità portuali e società che gestiscono i servizi antinquinamento in ambiente marino), in particolare di Australia, Brasile e Golfo persico.

La piattaforma, che risponde alle normative nazionali e internazionali per la gestione delle problematiche anti-inquinamento - tra cui quelle del Ministero dell'Ambiente, dell'International Marine Organization (IMO) e dell'European Maritime Security Agency (EMSA) - consente di gestire la complessa attività di controllo ambientale per la salvaguardia dell'ambiente marino, lungo le coste e in mare aperto, nonché in ambito fluviale e lacustre.

Il sistema consente la gestione dei servizi anti-inquinamento ordinari e di emergenza, l'ottimizzazione dell'uso del personale, delle flotte antinquinamento e dei relativi equipaggiamenti, il coordinamento delle attività tra il personale impegnato nei servizi e le autorità regionali e nazionali per la prevenzione e gestione dell'inquinamento (Guardia Costiera / Capitaneria di Porto, Ministero dell'Ambiente, Protezione Civile, ecc.), il tracciamento dell'evoluzione nel tempo dei servizi erogati e dei problemi ambientali connessi, con la conseguente riduzione dei rischi di inquinamento.

Elemento di profonda innovazione della piattaforma informatizzata MLV è la capacità di pianificare, controllare e coordinare in tempo reale tutte le attività svolte (di prevenzione e pronto intervento al verificarsi di incidenti ambientali) da mezzi (rimorchiatori, barche di appoggio, mezzi che operano a terra, ecc.),  operatori specializzati, strutture logistiche di supporto (magazzini), materiali di vario genere (prodotti chimici disperdenti, barriere, skimmer per l'aspirazione degli inquinanti, ecc.). Questa specificità consente di ottimizzare e rendere tempestivi gli interventi, fornendo uno strumento informativo indispensabile al controllo delle attività ed al coordinamento con le altre entità incaricate dei servizi di intervento.

Dopo lo sviluppo in Italia, CLE, dunque, affronta lo sbarco all'estero; Mariarosaria Scherillo, amministratore unico della società barese, conferma che «l'interesse nei confronti di MLV è andato ben oltre le nostre aspettative; alcune multinazionali del settore 'Oil spill' ci hanno chiesto di poter testare subito la piattaforma, apprezzando la sua capacità di far dialogare in tempo reale tutti gli attori coinvolti nelle attività di antinquinamento marino e di rispondere alle stringenti normative internazionali IMO ed EMSA. Per la nostra impresa MLV rappresenta la testa d'ariete per sviluppare il mercato internazionale che ha un enorme potenziale commerciale per la dimensione delle imprese impegnate nella gestione delle attività portuali e dell'Oil Spilling».

Francesco Argento, AD della Ecotaras Spa - concessionario unico designato dalla Capitaneria di Porto di Taranto, uno dei principali attori del vigente Piano Locale di Pronto Intervento Antinquinamento del Compartimento Marittimo di Taranto, svolgendo un ruolo chiave nei servizi d'interesse generale per la gestione dell'antinquinamento - che utilizza MLV nell'area portale di Taranto, conferma che «esisteva una grande complessità di gestione di mezzi e uomini sia durante le fasi di intervento ordinario, sia nei casi critici; con MLV abbiamo raggiunto uno standard organizzativo efficiente in grado di darci in qualunque momento la situazione delle condizioni di intervento oltre a una costante valutazione delle risorse impiegate con un notevole vantaggio in termini di ottimizzazione di tempi e costi».

Nata nel 1987, CLE è una realtà emergente nell'ICT a livello nazionale, attiva nella realizzazione di prodotti e servizi specialistici in ambito IT e nella formazione. Con sede a Bari e filiale a Milano, l'azienda, occupa attualmente oltre 40 addetti operanti al servizio di numerosi clienti su scala nazionale, suddivisi tra Pubblica Amministrazione Centrale, Pubblica Amministrazione Locale, ASL, PMI. Consapevole dell'importanza strategica della ricerca, quale motore per la sua crescita e per la sua affermazione sul mercato, svolge una continua attività di "R&S" finalizzata all'individuazione di prodotti e servizi innovativi da proporre come soluzioni a esigenze specifiche. Amministratore unico di CLE è Mariarosaria Scherillo, presidente della sezione Terziario Innovativo e Comunicazione di Confindustria Bari-BAT. L'azienda è parte del Distretto Produttivo dell'Informatica Pugliese e di AICA Puglia.



Le tecnologie utilizzate

MLV aggrega dati provenienti da strumenti installati sia sui mezzi di intervento, sia nelle stazioni di controllo a terra; nello specifico telecamere ordinarie e a infrarossi/ultravioletti, stazioni meteo, servizi di controllo del traffico marino (AIS e VTS compresi). Integra un sistema GIS per manipolare mappe a supporto della gestione dei servizi e può essere reso disponibile come licenza software o come SAAS (Software As A Service).

L'applicazione è 'Web 2.0', utilizzabile da desktop e apparati mobili consentendo di ottimizzare e rendere tempestivi gli interventi di mezzi, attrezzature e personale specializzato, fornendo uno strumento informativo che consente di centralizzare, il più velocemente possibile, tutti i dati raccolti sul campo e di condividerli con i diversi attori coinvolti nelle operazioni di intervento.

La piattaforma MLV, inoltre, è di supporto nella valutazione dei rischi diretti e correlati, riducendo la possibilità di ulteriori incidenti in itinere a seguito di carenza di coordinamento e/o informativa. In questo contesto svolgono un ruolo molto importante gli strumenti tecnologici di rilevazione e monitoraggio a supporto di chi si muove sul territorio (siano essi unità navali, mezzi di terra, persone che si muovono a piedi, ecc.) o posizionate in postazioni fisse in grado di fornire dati derivanti anche dall'analisi delle informazioni video rilevate da telecamere o da sensori specializzati per il monitoraggio del territorio.

Interspill di Amsterdam (24-26 marzo)

Interspill è l'edizione europea del ciclo di conferenze internazionali sull'inquinamento da idrocarburi in mare, organizzata e gestita dalle principali organizzazioni europee dell'industria dell'Oil Spilling (inquinamento in mare da idrocarburi) in cui si presentano le evoluzioni e le novità scientifiche, tecnologiche e normative del settore.

Flormart, Fiorisce a Padova il primo giardino verticale pubblico

Il progetto interesserà la palazzina servizi che si trova all'interno del Parco Europa


(26.03.2015). Negli spazi del Parco Europa di Padova, già "teatro" di sperimentazioni significative nel campo del verde urbano, nascerà il primo "giardino" verticale pubblico della città: una scommessa che nasce dalla sinergia fra PadovaFiere e Comune di Padova in vista della 66esima edizione di Flormart, salone internazionale del florovivaismo e giardinaggio in programma in Fiera a Padova dal 9 all'11 settembre 2015. 
 
L'intervento riguarderà una o più pareti della palazzina che ospita la sede del Settore Verde Parchi Giardini e Arredo Urbano del Comune di Padova: una struttura oggi del tutto "anonima", destinata a diventare un elemento di pregio architettonico. Una novità che contribuirà alla riqualificazione dell'area e diventando al contempo motivo di "attrazione turistica", dal momento che non sono molti nel nostro Paese gli esempi di verde verticale. 

Il progetto del giardino verticale sarà il vincitore del concorso internazionale di architettura del paesaggio Flormart Garden Show, che ha ricevuto – fra gli altri – i patrocini del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero delle Politiche Agricole, della Regione Veneto, del Comune di Padova, dell'Università di Padova, dello Iuav di Venezia, del Consiglio nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e di Uniscape, rete che riunisce le università europee impegnate nel campo della ricerca e del Paesaggio. La proposta presentata in sede di concorso potrà poi essere adattata al contesto.
 
«Con questa iniziativa – spiega l'ad di PadovaFiere Daniele Villa – Flormart si apre alla città, inaugurando un nuovo percorso di collaborazione: il salone internazionale lascerà "un segno concreto" e permanente in uno spazio che è a pochi passi dalla Fiera…». «La Fiera rappresenta un patrimonio per la città – aggiunge l'assessore all'Ambiente e al territorio del Comune di Padova Fabrizio Boron - e per questa ragione l'amministrazione ha deciso di collaborare attivamente, offrendo a PadovaFiere la massima disponibilità a mettere in campo progetti comuni». 

La scelta di una parete verde verticale -  "pratica" molto diffusa nel Nord Europa e di cui esistono esempi interessanti a Milano, ma anche nella vicina Marostica  - nasce dal confronto fra Comune e PadovaFiere ed è dettata da diverse ragioni: «A livello globale – spiega l'architetto Giorgio Strappazzon, presidente della giuria del concorso internazionale – è in atto  da anni un massiccio spostamento delle popolazioni dalle campagne alle città, destinate a diventare sempre più popolose: in molti casi non c'è più spazio disponibile per nuove aree verdi, ed ecco che il verde verticale può diventare una risposta efficace e innovativa a questo problema...». 

Da qui la scelta di Flormart di "esplorare" questa nuova frontiera, offrendo indicazioni utili ai progettisti e ai vivaisti che vogliono guardare al futuro... «La soluzione del verde verticale - precisa Gianpaolo Barbariol, caposettore Settore Verde Parchi Giardini e Arredo Urbano del Comune di Padova - porta inoltre significativi vantaggi in termini di risparmio energetico, perché contribuisce al raffrescamento degli edifici». 

«Il verde tecnologico – prosegue Stappazzon - è uno strumento importante per il miglioramento della qualità delle nostre città, perché coniuga la bellezza e l'armonia degli esseri vegetali con nuovi strumenti per la loro vita in ambiti a volte del tutto artificiali. Le nuove tecniche consentono la piantumazione sia su superfici di copertura in pochi cm di spessore che su pareti inclinate o verticali. 

Si possono quindi trasformare le coperture e più in generale tutte le superfici opache in zone di crescita del verde con numerose ricadute positive sull'ambiente: all'abbattimento degli agenti inquinanti con la produzione di ossigeno, al miglioramento estetico di ampie zone del paesaggio cittadino».  Durante Flormart i temi connessi al verde tecnologico saranno al centro del Forum Internazionale ECOtechGREEN, un'iniziativa di Paysage, sostenuta dalla rivista TOPSCAPE, che si svolgerà tra mercoledì 9 e giovedì 10 settembre.

 
IL PARCO EUROPA
Il Parco Europa, collocato nell'area della Cittadella della Stanga, si estende su circa 50mila metri quadrati: grazie alle specie arboree prescelte, alle armoniose modulazioni del terreno e agli accordi cromatici che lo caratterizzano, si propone come un luogo di tranquillità dove poter staccare la spina dal ritmo frenetico di ogni giorno, a vantaggio dei residenti, ma anche di coloro che lavorano nella vicina Cittadella o che studiano nella vicina area universitaria.  Un'avveniristica passerella strallata che si stacca dalla sommità della collina del parco ed attraversa la trafficatissima Via Venezia, rende possibile il collegamento del parco con il Lungargine del Piovego. 

Al centro dell'area si eleva il Giardino di Cristallo, l'innovativa struttura in acciaio e vetro strutturale che al suo interno custodisce una delle più importanti collezioni italiane di piante succulente, provenienti da diverse parti del mondo. Il parco è anche il luogo di sperimentazioni destinato agli appassionati ed agli specialisti del giardino: alla collezione di piante grasse si affiancano un giardino alimurgico, un giardino delle rupi silicee, un giardino delle officinali, un giardino delle piante carnivore, un percorso botanico degli alberi e infine un rain garden

Quest'ultimo è un giardino studiato per ottimizzare il controllo della qualità e dei volumi delle acque di deflusso meteorico, con la funzione di convogliare e accumulare l'acqua favorendo l'infiltrazione nel terreno e la fitodepurazione attraverso la costruzione di una leggera depressione riempita di terreno sabbioso arricchito di compost e la scelta di piante resistenti alla siccità ma anche al ristagno idrico.

 
FLORMART GUARDA ALL'EXPO: GIÀ CONFERMATI 50 BUYERS
La sinergia fra Comune e Fiera attraverso questo nuovo progetto è anche un'ulteriore occasione di promozione di Flormart, salone leader in Europa nel settore del Florovivaismo e Giardinaggio, che nel 2014 ha richiamato oltre 18mila operatori del settore e che si presenta quest'anno con una proposta rinnovata, all'insegna dell'internazionalizzazione, sfruttando anche i significativi flussi in arrivo per l'Expo: proprio con questo obiettivo è stato attivato un progetto di ampio respiro in collaborazione con Padova Promex, azienda speciale della Camera di Commercio e con le categorie economiche padovane, anche puntando sulla sinergia con le iniziative promosse all'Orto Botanico di Padova, dove lo scorso settembre è stato inaugurato il giardino della biodiversità, che si affianca al sito storico – patrimonio Unesco. 

In Fiera a Padova, per la due giorni di incontri B2B in un'area dedicata, arriveranno 50 operatori selezionati provenienti da Russia, Marocco, Polonia, Indonesia, Svezia, Germania, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Azerbaijan, Turchia, Tunisia e Svizzera.

Altre importanti sinergie sono state messe a punto con Paysalia, Salone organizzato a Lione da GL Events, socio di maggioranza di PadovaFiere. Anche la nuova alleanza con il Mercato dei fiori della Toscana sta già portando risultati importanti, mentre a livello locale si rafforza il dialogo e la collaborazione con i vivaisti di Saonara. 
 
Info: www.flormart.it

L'accumulo domestico di elettricità solare accelera la rivoluzione dei prosumers. Se ne parlerà a Solarexpo 2015





L'ACCUMULO DOMESTICO DELL'ELETTRICITÀ SOLARE 
ACCELERA LA RIVOLUZIONE DEI "PROSUMERS"

A SOLAREXPO-THE INNOVATION CLOUD 2015 DIVERSE AZIENDE TRA I LORO PRODOTTI PROPORRANNO ANCHE SISTEMI FOTOVOLTAICI CON BATTERIE. IL CONVEGNO "LO STORAGE DI ELETTRICITÀ" (GIOVEDÌ 9 APRILE) AFFRONTERÀ DIVERSI TEMI LEGATI AGLI ACCUMULI CON IL CONTRIBUTO DI UN PANEL DI RELATORI DI ALTO LIVELLO.

APPUNTAMENTO DALL'8 AL 10 APRILE AL MiCo-FIERA MILANO CONGRESSI

Milano, 26 marzo 2015 - Fotovoltaico, sistemi di accumulo e veicoli elettrici sono stati definiti disruptive technologies, cioè tecnologie che con la loro diffusione, conseguente alla drastica riduzione dei loro costi, potranno ulteriormente stravolgere il sistema elettrico, portando le stesse utility a cambiare modelli di business oppure a soccombere.

Diversi studi dimostrano che l'elettricità prodotta con il fotovoltaico sul tetto e accumulata nelle batterie, in tempi molto brevi, forse già entro il prossimo anno, costerà in molti casi meno di quella prelevata dalla rete.

In particolare, come ha spiegato in un noto report la svizzera USB Bank, lo storage di elettricità domestico abbinato al fotovoltaico si diffonderà a livello capillare, con il costo dei sistemi di accumulo, in particolare della batterie al litio, che potrà calare di oltre il 50% già entro il 2020. Il più grande istituto di credito europeo, HSBC, conferma questa tendenza, anche per lo storage a livello di rete elettrica.
Tempo 10 anni, spiegano gli analisti, e "tutti saranno in grado di produrre e accumulare energia pulita".

Ora che anche il quadro normativo nazionale è molto più chiaro (delibere Aeegsi 574/2014 e 642/2014), l'accumulo elettrochimico, quale nuovo propulsore del fotovoltaico, sarà tra protagonisti dell'edizione 2015 di Solarexpo-The Innovation Cloud che si svolgerà al MiCo- Fiera Milano Congressi dall'8 al 10 aprile.

Diverse aziende presenteranno nell'esposizione questa soluzione per incrementare l'autoconsumo di energia elettrica da fotovoltaico fino e oltre il 60-70% della produzione totale. Ecco i brand presenti: ABB, Eneray, Fronius Italia, Futura Holding, Saft, Saet, SKG, Solax Power, NRGBOX, Tecno-Lario, Accu Italia, Discover Energy, Enerpower, Enerconv, Eurobeta, Rotherg, HM.

Il 9 aprile (ore 14,30-18,30) si svolgerà il convegno "Lo storage di elettricità", realizzato con il supporto di ABB, Saet, Cobat e Fiamm, nel quale si affronteranno diversi temi legati agli accumuli: le nuove regole per la connessione, i costi e benefici per il sistema elettrico, le applicazioni a livello di utility e per il settore residenziale, gli inverter con l'integrazione di batterie. Chairman dell'incontro sarà Luigi Mazzocchi di RSE (Ricerca sul Sistema Energetico).

Un altro recente report, quello della Deutsche Bank, preannunciando anch'esso il rapido calo dei costi delle batterie al litio (20-30% l'anno), spiega che questa tecnologia "farà da catalizzatore per il mercato del solare", specialmente dove i prezzi del kWh retail sono relativamente alti, come in Europa e in Italia.

Su questo aspetto e sulle opportunità per l'industria italiana delle batterie, Nicola Cosciani, responsabile del Gruppo Sistemi di Accumulo di ANIE Energia, tra relatori del convegno del 9 aprile, si dice convinto che "l'industria dei sistemi di accumulo italiana rappresenta già oggi una filiera di eccellenza a livello mondiale: le nostre aziende giocano da protagoniste nei mercati esteri e auspicano di poterlo fare anche nel nostro paese. L'industria ha fatto la sua parte investendo per arrivare a proporre prodotti e sistemi efficienti e affidabili e continuerà ad investire per migliorare la competitività, puntando nel breve periodo ad una riduzione del costo dei sistemi con tecnologie innovative pari al 30-40% rispetto agli attuali".

FIORIGRAFIA: il linguaggio dei fiori, la prima festa dei fiori di Arzignano 24/26 Aprile ad Atipografia




FIORIGRAFIA

La prima festa dei fiori di Arzignano



Atipografia, Arzignano VI
Piazza Campo Marzio, 26


Atipografia, nuovo polo culturale di Arzignano (VI), ricavato da un'antica tipografia ottocentesca e fondato dalla curatrice e storica dell'arte Elena dal Molin, inaugura la stagione primaverile con un nuovo e affascinante appuntamento per gli amanti del mondo floreale e i pollici verdi, dall'inequivocabile titolo: "Fiorigrafia". Non una semplice fiera di giardinaggio, ma un'esperienza che recupera il linguaggio segreto dei fiori, molto in voga nell'Ottocento.

La manifestazione floreale, unica nel suo genere, e patrocinata dal Comune di Arzignano, si svolgerà dal 24 al 26 aprile, all'interno della cornice delle suggestive sale di Atipografia, dove è attualmente allestita l'affascinante mostra "Fiori violenti: fototropismo verso la forma" di Mattia Bosco, alla quale verrà affiancata, nei giorni del mercato, e per le due successive settimane, un secondo evento espositivo dell'artista Maruzza Bianchi Michiel, che si ispirerà alla natura, ai suoi fenomeni e mutamenti servendosi dei fiori, soggetti estetici dall'effimera identità, ma che esprimono continuità nel tempo. 

Il giardino antistante la sede, insieme agli spazi coperti, dall'arredamento originale, accoglieranno espositori e ospiti dell'evento botanico.

Un'occasione di tre giorni, in concomitanza con la nota Fiera degli Uccelli di Arzignano, per acquistare fiori e piante per arredare con fantasia la propria casa o il proprio giardino, riflettendo e giocando sul loro significato, così come si usava fare nel passato.

L'originale iniziativa, dal gusto retrò, si propone come una nuova e fresca sperimentazione dell'antichissimo linguaggio floreale: "Che fiore provi per me?". Per rispondere a questa domanda ai visitatori verrà distribuito un piccolo vademecum per scoprire come comunicare con l'incredibile varietà di tipologie e colori di fiori in esposizione, in maniera spiritosa, galante e alternativa. 
Compreranno, infatti, rose rosse, se devono comunicare amore, i tulipani per esprimere desiderio, e così via.

Il costo dell'ingresso è di 3 euro, più tessera associativa annuale di 5 euro.

L'evento sarà inoltre accompagnato da stand gastronomici e artigianali di cappelli, profumi, libri, pigmenti, lane e gioielli, il tutto condito da buona musica.

INFORMAZIONI UTILI
Periodo della manifestazione: 24, 25 e 26 aprile
Orari di apertura: dalle 10 alle 20
venerdì 24 aprile 2015

ore 11:00 Inaugurazione con sindaco, maestranze, ecc..con accompagnamento musicale

Atipografia Associazione Culturale
Arzignano (VI)
Piazza Campo Marzio, 26

Con il patrocinio di: Comune di Arzignano


Info e contatti:
facebook: Atipografia

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI