Cerca nel blog

sabato 28 novembre 2015

ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE/JOB&ORIENTA: PRESENTATI DA TOCCAFONDI GLI ULTIMI DATI

JOB&ORIENTA 2015
Fiera di Verona, 26-28 novembre (25a edizione)
Salone nazionale dell'orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro.

ISTITUTI TECNICI SUPERIORI: Continua il trend di crescita per iscritti e nuovi corsi. L'80% dei diplomati trova lavoro entro un anno.

Gabriele Toccafondi, sottosegretario Istruzione: «Gli Its funzionano perché le aziende e le scuole fanno le cose insieme.

Da potenziare perché servono ai ragazzi e al sistema produttivo italiano».


Verona,  28  novembre 2015 -  Elena, 20 anni, di Bergamo, dopo il diploma tecnico turistico ha deciso di iscriversi all'Its "Del turismo e dell'ospitalità" di Cernobbio (Como) per avere un titolo di studio più qualificato e una formazione più concreta e connessa con il mondo del lavoro rispetto a quella universitaria; ora al secondo anno, dopo uno stage estivo di quattro mesi in un prestigioso hotel di Como, è ancora più entusiasta della propria scelta. Ventenne anche Caterina che, diplomata geometra, frequenta l'Its "Nuove tecnologie per il made in Italy ambito Casa" di Perugia: è  venuta a conoscenza di questo percorso a scuola, e lo ha scelto per l'interessante connubio tra la teoria e l'esperienza diretta in azienda. A un anno dal diploma presso l'Its "Nuove tecnologie per il made in Italy - ambito Agroalimentare"  di Bari, anche Ruggiero è più che soddisfatto della scelta fatta: le competenze acquisite gli hanno permesso di trovare subito occupazione nel settore in cui aveva sempre sognato di lavorare: a soli 22 anni, collabora oggi con il Gruppo d'azione locale di Castel Del Monte occupandosi di valorizzazione delle aree rurali attraverso il sostegno ad aziende agroalimentari e l'organizzazione di eventi enogastronomici. È di Castelfranco Veneto (Treviso) Andrea, 26enne diplomato geometra che dopo due anni di praticantato, non trovando lavoro, ha deciso di iscriversi all'Its per "Il risparmio energetico e nuove tecnologie in bioedilizia" di Padova, confidando che un'ulteriore specializzazione gli consentisse di trovare occupazione. E così è stato: diplomatosi come tecnico superiore lo scorso  luglio, a gennaio prossimo inizierà a collaborare con un'azienda di Montebelluna, nel Trevigiano.

Sono solo alcune delle tante storie positive raccontate direttamente dai giovani protagonisti a JOB&Orienta, la manifestazione nazionale dell'orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, che presso l'area espositiva del Miur ha visto ospitate ben 30 delle 82 Fondazioni Its costituite in Italia dal 2011 ad oggi. Nati per sostenere i distretti produttivi dei diversi territori, con particolare attenzione ai fabbisogni di innovazione e di aggiornamento tecnologico delle piccole e medie imprese, gli Istituti tecnici superiori rappresentano a livello italiano l'unica offerta formativa non accademica di livello terziario e sono frutto di una strategia innovativa, fondata sulla connessione delle politiche d'istruzione, formazione e lavoro con le politiche industriali con l'obiettivo da un lato di formare le nuove figure professionali del futuro, dall'altra di innovare i mestieri della tradizione. 

E alle storie si aggiungono i numeri, a dire che i percorsi di istruzione tecnica superiore stanno funzionando davvero.

L'ultima rilevazione Indire - svolta per conto del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca - conferma il trend di crescita degli iscritti: a cinque anni  dalla loro partenza, sono oggi 82 (tra queste 7 di nuove nate nel 2015) le fondazioni Its regolarmente costituite nel nostro Paese e sono 363 i percorsi attivati per un totale di 3.564 diplomati. 7.180 sono i giovani che dal 2011 scelgono questo percorso di studi, che sul fronte occupazionale vede mediamente l'80% dei diplomati trovare lavoro entro un anno.

A commentare i positivi dati presentati a Verona Gabriele Toccafondi, sottosegretario di Stato all'Istruzione:  «Gli Its funzionano perché le aziende e le scuole fanno le cose insieme. Dopo il diploma, la formazione terziaria professionalizzante serve e tanto. Serve ai ragazzi e serve al sistema produttivo italiano. 60mila aziende non trovano lavoratori con specifiche competenze e la disoccupazione giovanile è al 40%. La risposta è la scuola con l'alternanza obbligatoria nel triennio e gli Its per le specializzazioni – continua Toccafondi -. Gli Its funzionano perché il 50% delle docenze è svolto dal mondo del lavoro e almeno il 30% delle ore è svolto in tirocinio attivo dentro le aziende».

Arrivano intanto anche nuove regole. «Basta fondi a pioggia - spiega Toccafondi -: il 30% delle risorse per gli Its (ogni anno 20 milioni circa, 14 dal Ministero e altri 7 dalle Regione) sarà assegnato su parametri qualitativi basati per il 40% sull'occupabilità dei ragazzi. Gli Its che riceveranno una valutazione inferiore a 50/100 non riceveranno finanziamenti e, dopo tre anni di valutazioni negative, non potranno più rilasciare titoli di studio».



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI