Cerca nel blog

lunedì 2 novembre 2015

A Ecomondo, 3 e 4 novembre, la IV edizione degli Stati Generali della Green Economy

header
Tutto è pronto per la IV edizione degli Stati Generali della Green Economy 3 e 4 novembre 2015 Ecomondo-Rimini Fiera
Le 64 associazioni di imprese green, che compongono il Consiglio Nazionale della Green Economy, in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, stanno ultimando i lavori preparatori alla IV edizione degli Stati Generali della Green Economy. La due giorni si terrà a Rimini, nell'ambito di Ecomondo-Key Energy-Cooperambiente, i prossimi 3 e 4 novembre.
Nella sessione di apertura dal titolo Lo stato della green economy in Italia, nella mattina del 3 novembre, Edo Ronchi del Consiglio Nazionale della Green Economy presenterà la Relazione sullo stato della green economy in Italia e le conclusioni saranno affidate a Gian Luca Galletti, Ministro dell'Ambiente.
I lavori proseguiranno nel pomeriggio del 3 novembre con 5 sessioni tematiche di approfondimento e consultazione con la partecipazione di circa 70 relatori tra cui una forte presenza di autorevoli esperti internazionali, sui temi:
  • L'internazionalizzazione delle imprese della green economy: la collaborazione ambientale Italia-Cina
  • Capitale Naturale: driver per la crescita delle imprese
  • Parigi 2015: l'appello delle imprese green per l'Accordo globale sul clima
  • Adattamento climatico, mitigazione e prevenzione del dissesto idrogeologico e politiche per il territorio nel quadro di una green economy
  • La nuova economia dei rifiuti. Soluzioni industriali e prospettive verso l'economia circolare
Gli Stati Generali della Green Economy si concluderanno, il 4 novembre, con la sessione dedicata al tema Qualificare la ripresa con lo sviluppo d una green economy, con la presentazione delle proposte del Consiglio Nazionale della Green Economy.
Per iscriverti Clicca qui
Per consultare il programma in italiano Clicca qui Clicca qui
Per consultare il programma in inglese Clicca qui Clicca qui
Presentazione della Relazione sullo stato della green economy in Italia
.
In apertura degli Stati Generali della Green Economy, martedì 3 novembre, Edo Ronchi presenterà i risultati contenuti nella Relazione sullo stato della green economy in Italia, un'indagine statistica, impostata e commentata dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e condotta con il coordinamento tecnico dalla dott.ssa Ketty Vaccaro, ricercatrice Censis, con rilevazione dati di Pragma srl, 2015.
Questa prima "Relazione sullo Stato della green economy", non è tanto e solo la prima del genere per caratteristiche e impostazione, ma è soprattutto una prima relazione di base, di un programma di studi e analisi in materia di green economy, di ampio respiro che proseguirà nel tempo e sarà quindi seguita da altre, successive, Relazioni.
Impostata e coordinata dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, quale struttura di supporto del Consiglio Nazionale della Green Economy, è stata progettata per introdurre i lavori della quarta edizione degli Stati Generali della Green Economy 2015.
La Relazione si apre con un'indagine sulle imprese green italiane, sia core-green (che producono beni o servizi ambientali), sia go-green (che, pur non producendo beni o servizi ambientali, hanno adottato modelli green di gestione, individuati con una griglia di indicatori): una fotografia inedita della presenza di tali imprese green nell'industria, nelle costruzioni, in agricoltura e nei servizi.
Nella seconda parte la Relazione presenta l'analisi dell'andamento delle tematiche strategiche della green economy italiana: le fonti rinnovabili, l'efficienza energetica, le emissioni di gas, la circular economy, l'eco-innovazione, il dissesto idrogeologico, la gestione del territorio e del capitale naturale, l'agricoltura di qualità ecologica e la mobilità sostenibile. Nella terza parte propone dati e spunti internazionali su energia e clima, sull'uso efficiente delle risorse e la gestione dei rifiuti e sulle principali tendenze internazionali in atto.

Presentazione della 1° Relazione sullo stato della green economy in Italia
notizia
arrows
Call for proposals per la Sessione B2B Italia-Cina: la forte impronta internazionale della IV edizione degli Stati Generali della Green Economy
.
L'edizione 2015 degli Stati Generali della Green Economy vede una maggiore apertura internazionale grazie alle attività intraprese per favorire l'internazionalizzazione delle imprese della green economy italiana.
Proseguono, in particolare, le attività di collaborazione con il Governo Cinese che hanno già visto la partecipazione di una delegazione di imprese green italiane alla Fiera CIEPEC di Pechino lo scorso giugno. Il dialogo tra i due Paesi proseguirà con una delle sessioni di approfondimento in programma nel pomeriggio di martedì 3 novembre, organizzata in partnership con il Ministero dell'Ambiente in cui si discuterà della collaborazione ambientale Italia-Cina con la partecipazione della Chinese Academy of Social Sciences (CASS) e il Ministero dell'Industria e della Tecnologia dell'Informazione (MIIT) del Governo Cinese. Dopo gli interventi introduttivi dei rappresentanti istituzionali dei due Paesi, si terrà una tavola rotonda a cui parteciperanno aziende cinesi e italiane attive nella green economy. I lavori verranno chiusi da una sessione Business2Business che sarà l'occasione per le imprese italiane partecipanti di incontrare le imprese cinesi, approfondire le tecnologie presentate e creare possibilità di future sinergie.
Le imprese italiane della green economy interessate a partecipare e a incontrare i rappresentanti delle imprese della delegazione cinese sono invitate a rispondere alla Call for proposals a questo link: Clicca qui  
La IV edizione degli Stati Generali si caratterizza, inoltre, per un'importante presenza di autorevoli relatori internazionali sia nelle sessioni plenarie di apertura e chiusura lavori sia nelle 5 sessioni tematiche di approfondimento. Tra gli organismi coinvolti: l'OCSE, il Parlamento Europeo, il Fondo Monetario Internazionale, l'UNEP e il Dual Citizen con la presentazione del Global Green Economy Index.

Call for proposals per la Sessione B2B Italia-Cina: la forte impronta internazionale della IV edizione degli Stati Generali della Green Economy
separator
arrows
Parigi 2015: l'appello delle imprese green italiane per l'Accordo globale sul clima
.
A Rimini, nel corso degli Stati Generali della Green Economy, verrà sottoposto all'attenzione del Ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, rappresentante dell'Italia alla Conferenza internazionale sul clima in programma a dicembre a Parigi, l'appello delle imprese green per l'Accordo globale sul clima come contributo del settore della green economy italiana. Al tema è dedicata una sessione di approfondimento organizzata, in collaborazione con l'ENEA, alla quale parteciperanno importanti aziende nazionali.

Parigi 2015: l'appello delle imprese green italiane per l'Accordo globale sul clima
separator
arrows
Assemblea Nazionale Programmatica sulla Mobilità Sostenibile: ecco cosa è emerso
.
Mobilità sostenibile, green economy e città intelligenti: una Roadmap per l'Italia è il titolo dell'Assemblea Nazionale Programmatica organizzata a settembre dal Gruppo di Lavoro Mobilità del Consiglio Nazionale della Green Economy, in preparazione degli Stati Generali della Green Economy e in occasione dell'European Mobility Week 2015. Tre le tematiche affrontate nell'ambito del confronto sulle proposte di sviluppo della green economy per il settore mobilità in Italia:
  • Mobilità urbana sostenibile o grandi infrastrutture?
  • I nuovi Piani urbani della mobilità sostenibile-PUMS
  • App e Information Technologies System: la rivoluzione del green transport. Infrastrutture, più risorse per le aree urbane
Per saperne di più Clicca qui

Call for proposals per la Sessione B2B Italia-Cina: la forte impronta internazionale della IV edizione degli Stati Generali della Green Economy
separator


immagine footer
separator

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI