Cerca nel blog

mercoledì 16 settembre 2015

IDROGENO. H2M IL VEICOLO SPECIALE A IDROGENO DA OGGI È VISITABILE ALLA FIERA DEL LEVANTE DI BARI

 H2M IL VEICOLO SPECIALE A IDROGENO

DA OGGI È VISITABILE ALLA FIERA DEL LEVANTE DI BARI

 
H2M (H2 Mobile), il primo veicolo terrestre in grado di produrre e stoccare autonomamente energia rinnovabile mediante idrogeno, è presente alla Fiera del Levante e da oggi al 20 settembre sarà possibile visitarlo, toccando dal vivo la realtà della mobilità pulita e delle rinnovabili.

«La tappa di Bari, alla Fiera del Levante è importante per noi della Fondazione H2U perché il mezzo è stato concepito in Puglia, con tecnologie presenti e disponibili nel Sud Italia. Lo sviluppo di una filiera dell'idrogeno decentrato potrebbe dare una mano importante al economia locale e allo sviluppo sociale delle Regioni del Sud dando anche un segnale importante sul fronte della lotta ai cambiamenti climatici, specialmente nel 2015 che è l'anno della conferenza sul clima, la COP21, che si terrà a Parigi a fine anno. - afferma il presidente della Fondazione H2U, il fisico Nicola Conenna - H2M è un "work in progress", nel senso che è disponibile ad accogliere anche altre tecnologie per la sostenibilità, le rinnovabili e in ultima analisi l'ambiente. Anche per questo motivo abbiamo installato nell'aula multimediale anche una stampante 3D che testimonia il fatto che innovazione e tutela ambientale possono essere coniugate. Le stampanti 3D, infatti, possono realizzare piccole serie d'oggetti, senza scarti - salvaguardando risorse - e producendo beni con filiere corte, quasi a km zero».

Il furgone H2M è lungo 15 metri, possiede una sala multimediale al seguito, produce idrogeno dai suoi pannelli fotovoltaici da 6 kWp ed è stato realizzato dalla Fondazione H2U "The Hydrogen University" con sede a Monopoli, in Puglia, attraverso il cofinanziamento da parte della Regione Puglia, con fondi Carbon Tax-Ministero dell'Ambiente e con il cofinanziamento della Fondazione stessa, in partenariato con l'Università Aldo Moro di Bari. L'impianto fotovoltaico alimenta un elettrolizzatore da 1 normal m3/h per la produzione d'idrogeno che viene a sua volta stoccato in bombole da 50 litri cadauna, grazie a 24 batterie tampone da 230 A/h cadauna, presenti sul mezzo stesso.

«Dopo un lavoro durato due anni il veicolo è pronto per iniziare il proprio viaggio, portando con se un modello energetico e produttivo alternativo, diffuso, decentrato e rinnovabile, totalmente carbon free, senza emissioni climalteranti e in grado, come modello, di salvare il Pianeta dal riscaldamento globale», conclude Conenna.

H2M a Cala Corvino (Monopoli/Bari) il 2 maggio 2015, con la stampante 3D e la firma per l'apertura della sede tedesca di H2U tra Nicola Conenna e il dottor Volker Krueck.
 


SCHEDA TECNICA DI H2M
Pannelli fotovoltaici: 6kWp su sei pannelli, film a triplice giunzione Superficie pannelli fotovoltaici: 80 metri quadrati Stringhe: 36 Inverter: 1 da 6 kW uscita 220 V due fasi, 380 V trifase Fuel cells: 2 in tandem per un totale di 2,5 kW Batterie: 24 batterie tampone da 230 A/h Elettrolizzatore: due da 1 normal m3/h Compressore idrogeno: multistadio fino a 350 bar Bombole di stoccaggio idrogeno: 10 da 50 litri cadauna. Il mezzo è predisposto per 20. Bombole di stoccaggio metano (per alimentazione idrometano): 4 da 50 litri cadauna Regolatori di carica: 6 Illuminazione locali: Led Impianto audio: 4.000 W Gestione: sistema digitale integrato per la gestione domotica di tutti gli apparati del veicolo, compresa miscelazione carburanti sul motore endotermico Motorizzazione: 6 cilindri 3000 cm3, HDI Iniezione motore: diesel (standard), idrogeno, metano. Tutti gestiti in maniera digitale.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI